Trama

Assunto in un istituto di bellezza, il vagabondo Totò si traveste da donna per sostituire la massaggiatrice momentaneamente assente. Si dedica così alla cura di una cliente che però lo smaschera. Lo scandalo che segue lo porta ad accordarsi con l'amico della signora da cui Totò, dietro compenso, si farà schiaffeggiare in un locale pubblico. Ma i due finiscono in questura dove Totò scopre di essere ricercato... in quanto erede di un cospicuo patrimonio.

Note

Il primo film del Principe paga pegno alla sua verve di comico teatrale. Cinematograficamente non è un granché, ma le gag di Totò e la sua mimica sono già quelle.

Commenti (7) vedi tutti

  • Debole esordio di un Totò ancora acerbo.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • Esordio assoluto di Totò sul grande schermo. Si ride poco e a denti stretti, ma val bene una visione per ragioni storiografiche.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • L'opera prima di Totò purtroppo non è granchè, tranne qualche buffo duetto. Rimane soltanto la sua grande presenza e la sua eccelsa gestualità che dimostra già il grande attore che egli era.

    commento di Utente rimosso (Luke Vacant)
  • Deludente esordio per il grande Totò!!

    commento di wang yu
  • Primo film del principe della risate che sorregge sulle sue spalle l'intero film,di per sè piuttosto mediocre ma che grazie alla mimica impareggiabile e alla sua verve incontenibile si risolleva.

    commento di leo$
  • Strepitoso esordio DeCurtisiano. Non ai livelli del cinema del dopoguerra, ma la polvere da sparo è già presente in abbondanza!

    commento di Dalton
  • ogni tanto si ride, ma non siamo ai livelli dei grandi film di Totò.

    commento di Utente rimosso (Titanic900)
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

vjarkiv di vjarkiv
6 stelle

..."bezzecole", "quisqui(g)lie", "pinzellacchere"...così come nella scena della improvvisata direzione d'orchestra, c'è tutta l'arte del "principe"; arte che aveva affinato fin da giovanissimo nel teatro di varietà e che trasferisce in questa prima opera cinematografica  che non è certo il massimo ma che si ricorda come esordio di una lunghissima e brillante carriera. Una curiosità: il… leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

stanoliver di stanoliver
8 stelle

è il primo grande film di totò con una comicità diversa dalle pellicole future del grande attore napoletano: i primi minuti del film sembrano quasi un esempio di comicità appartenente al cinema muto (quasi chapliniano). La sequenza iniziale di totò che si alza ecc... sarà ripresa nel film I TRE LADRI del 1954, sempre col mitico totò leggi tutto

3 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

marcopolo30 di marcopolo30
3 stelle

  “Fermo con le mani!”, esordio sul grande schermo per Totò, non rientra certo fra i titoli per cui Antonio De Curtis viene ricordato come il principe della risata. Qui si ride poco e a denti stretti, in quella che possiamo catalogare come la tipica commediuola innocua di un periodo in cui anche la critica sociale non poteva -per ovvie ragioni- che essere blanda. E… leggi tutto

2 recensioni negative

2019
2019

L'UOMO QUALUNQUE

cherubino di cherubino

  Avevo solo sei anni nel 1948 e nel breve percorso tra casa e scuola (seconda elementare) ricordo che ad un certo punto apparvero una miriade di manifesti. Due di essi mi rimasero impressi: uno che invitava…

leggi tutto
2018
2018

Recensione

Carlo Ceruti di Carlo Ceruti
4 stelle

All'età di trentanove anni, dopo tanti successi teatrali, Totò compie il suo esordio al cinema. E' il primo di novantasette film che interpreterà, rimanendo tuttora il miglior comico che l'Italia abbia mai avuto (ed anche un grande attore ovviamente), dimostrando un talento che, talvolta, ha davvero del mitico e del sovrannaturale. Un comico che ancora oggi è…

leggi tutto
Recensione
2015
2015

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
3 stelle

  “Fermo con le mani!”, esordio sul grande schermo per Totò, non rientra certo fra i titoli per cui Antonio De Curtis viene ricordato come il principe della risata. Qui si ride poco e a denti stretti, in quella che possiamo catalogare come la tipica commediuola innocua di un periodo in cui anche la critica sociale non poteva -per ovvie ragioni- che essere blanda. E…

leggi tutto
Recensione
2012
2012

Recensione

vjarkiv di vjarkiv
6 stelle

..."bezzecole", "quisqui(g)lie", "pinzellacchere"...così come nella scena della improvvisata direzione d'orchestra, c'è tutta l'arte del "principe"; arte che aveva affinato fin da giovanissimo nel teatro di varietà e che trasferisce in questa prima opera cinematografica  che non è certo il massimo ma che si ricorda come esordio di una lunghissima e brillante carriera. Una curiosità: il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2011
2011

Mani Screpolate

stanley kubrick di stanley kubrick

Quest'inverno non ci lascia in pace. Anzi, anche l'autunno c'entra nella cerchia delle cosiddette "Mani Screpolate". La pelle comincia a raggrinzirsi come quella di persone anziane, piccole ferite fanno sgorgare…

leggi tutto
2010
2010
2009
2009

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Viene ricordato come l'esordio al cinema di Totò ed è francamente impossibile ricordarlo per qualcos'altro. La storia è leggerina e si basa su gag non molto originali e sulle movenze del comico, già piuttosto noto ed affermato a teatro. Interessante come 'documento storico' e curioso nel proporre un Totò nemmeno quarantenne (e una Tina Pica ancora sulla…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2008
2008

Recensione

mmciak di mmciak
6 stelle

"Fermo con le mani!" diretto nel 1937 da Gero Zambuto, devo dire che non mi è dispiaciuto. La storia tratta che il vagabondo Totò è assunto in un istituto di bellezza e si traveste da donna per sostituire la massaggiatrice momentaneamente assente. Allora comincia a dedicarsi alla cura di una cliente che però lo scopre e fa scoppiare uno scandalo. Però questo che segue lo porta…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2007
2007

Recensione

bianic di bianic
6 stelle

INGENUO. ma sincero questo esordio di toto al cinema, chiaro che fece di gran lunga di meglio in seguito e che qui la comicità per cui lo conosciamo è ancora in embrione però la gag in cui dirige l'orchestra vale la visione di tutto il film. una curiosità: nel film anche uno dei primi (velati) topless cinematografici regalatoci (per un paio di secondi) dalla protagonista nella scena del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

stanoliver di stanoliver
8 stelle

è il primo grande film di totò con una comicità diversa dalle pellicole future del grande attore napoletano: i primi minuti del film sembrano quasi un esempio di comicità appartenente al cinema muto (quasi chapliniano). La sequenza iniziale di totò che si alza ecc... sarà ripresa nel film I TRE LADRI del 1954, sempre col mitico totò

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

LorCio di LorCio
6 stelle

L'esordio di Totò è fiacchetto e sciapito, un cinema povero e senza pretese (in antitesi con quello lussureggiante-casareccio dei telefoni bianchi), nel quale mostra, per la prima volta la sua maschera e la sua inconfondibile mimica su un grande schermo. Appare anche una già brontolona Tina Pica. Da considerare su un piano puramente storico.

leggi tutto
Recensione

Recensione

rosario di rosario
8 stelle

Esordio fortemente teatrale per un Toto' gia' strepitoso.La sua mobile faccia e la sua mimica incredibile lasciano il segno anche in un film dalla sceneggiatura appena accettabile.

leggi tutto
Recensione

Recensione

antonio de curtis di antonio de curtis
8 stelle

Una specie di monello nostrano. Totò fa un po' lo Charlot italiano Primo film del grande Totò datato 1937 Sceneggiato dal futuro ideatore dell'Uomo qualunque Guglielmo Giannini e diretto da Gero Zambuto(padre del doppiatore di Stanlio) Musiche di Umberto Mancini La trama una specie di monello nostrano La colonna sonora discreta in stile anni trenta Cosa cambierei più…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2006
2006

Il sesso come destino comune (Il sexofono)

gozu di gozu

IL SESSO CONCEDE ALLA FOLLIA IL SUO TRANSITO IL SUO PASSAGGIO, IL SUO GUADO. SESSO NON è GODIMENTO DEI CORPI, E' MOLTO DI PIU', E' L'INTERPRETE TRA LA RAGIONE CHE L'UOMO HA COSTRUITO E LA FOLLIA CHE ANCORA LO ABITA.

leggi tutto
Playlist
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito