Trama

Un gruppo di donne dell'Europa dell'Est si scalda intorno a un fuoco in una fredda notte nel deserto del Sinai: di lì a qualche ora entreranno in Israele dove verranno vendute all'asta da Anna, trafficante di schiave bianche. L'arrivo inaspettato di Rose, una turista, rappresenta per le vittime l'unica speranza di salvezza da un destino a cui non possono ribellarsi...

Note

L'assunto didascalico del film è supportato da un impatto visivo che non lascia scampo e maneggia con sorprendente riserbo una materia incandescente. La sequenza finale dell'attentato allude alla possibilità che dal caos possano nascere libertà e speranza: sarà pure sopra le righe, ma è magnifica.

Commenti (3) vedi tutti

  • 2 palle.

    commento di orlandorimbaud
  • Un pugno nello stomaco: donne ridotte in schiavitù, una terra martoriata in cui, paradossalmente, anche da un'attentato sanguinario può arrivare la libertà.

    commento di HarryLime
  • Bellissimo film drammatico, un aumentare di paura per le povere ragazza che sfocia nel bellissimo finale pieno di speranza e di liberà Accativante!

    commento di faromagico
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

ed wood di ed wood
8 stelle

Le donne trattate letteralmente come bestie. Vendute all'asta, maneggiate, spogliate, esposte, prese in braccio per essere mostrate. Esseri umani ridotti a merce, materiale di scambio, variabili dipendenti del teorema microeconomico globale. A Gitai esce bene questa rappresentazione di un'economia in cui sesso e denaro sono gli unici fattori utili, mentre uomini e donne non… leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

OGM di OGM
6 stelle

Ormai è chiaro: per Amos Gitai, l'aderenza alla realtà assume il carattere di un vizio. Principale sintomo ne è il presenzialismo del cineoperatore, a cui importa più di "esserci" e di "star nel mezzo" che di effettuare riprese dignitose. Questa (voluta) mancanza di controllo della macchina da presa dà vita ad un realismo molle, più che delicato, che, per mostrare l'insensatezza della… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

fefy di fefy
4 stelle

Sono in pieno accordo con quanto dice Caprara, e cioe' che Amos Gitai, è uno di quegli autori nati con la camicia: i festival di tutto il mondo selezionano avidamente le sue opere, senza darsi mai la pena di verificare se per una volta non gli siano riuscite malamente. Ed è questo il caso: le intenzioni sono buone, ma il film pur avendo la pretesa stilistica pseudodocumentarita sfocia nel… leggi tutto

1 recensioni negative

2017
2017
locandina
Foto
2016
2016

Recensione

michel di michel
9 stelle

Sei giovani donne provenienti dalla Lituania attraversano il deserto scortate da un gruppo di beduini. Nottetempo avviene il primo stupro. Le ragazze sono in cerca di lavoro e anche se non si fanno grosse illusioni su quanto verrà loro offerto, scopriranno ben presto che la realtà è peggiore dei loro peggiori presagi. Al confine con Israele vengono vendute come animali al…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2011
2011

Recensione

sasso67 di sasso67
8 stelle

Una cruda ed impietosa discesa agli inferi di un gruppo di ragazze estoni, catapultate verso bordelli d'Israele e della Palestina. Gitai getta anche lo spettatore nel mezzo del cammin di questo viaggio notturno, umido e ombroso in un universo opprimente come le più cupe poesie di Baudelaire, un universo nel quale paradossalemnte soltanto un atto di infinita violenza può costituire una via di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

ed wood di ed wood
8 stelle

Le donne trattate letteralmente come bestie. Vendute all'asta, maneggiate, spogliate, esposte, prese in braccio per essere mostrate. Esseri umani ridotti a merce, materiale di scambio, variabili dipendenti del teorema microeconomico globale. A Gitai esce bene questa rappresentazione di un'economia in cui sesso e denaro sono gli unici fattori utili, mentre uomini e donne non…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti

Recensione

wang yu di wang yu
6 stelle

Si racconta una storia di diverse donne russe  che vengono trafficate in Egitto e da lì, attraverso la striscia di Gaza, in Israele. Lo stile è semi-documentario di una squallida realtà.Quello che più può interessare di quest'opera è leggere negli occhi delle ragazze la loro angoscia,e i dialoghi fra di loro.Gli uomini che vanno con le prostitute…

leggi tutto
Recensione
2010
2010

Puttane

Redazione di Redazione

Niente eufemismi pietosi. Per identificare la professione più antica del mondo - quella che forse vanta anche il maggior numero di appellativi (volgari e non) - meglio andare dritti. Lo ha fatto Ken Russel, non…

leggi tutto
Playlist
2009
2009
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

chribio1 di chribio1
8 stelle

film che sembra quasi in presa diretta,storie purtroppo reali che si vivono in quelle zone e in se' un 'opera molto cruda e dal sapore amaro,ma ben impostata in cabina di regia.voto.8.

leggi tutto
Recensione

Recensione

chribio1 di chribio1
8 stelle

film che sembra quasi in presa diretta,storie purtroppo reali che si vivono in quelle zone e in se' un 'opera molto cruda e dal sapore amaro,ma ben impostata in cabina di regia.voto.8.

leggi tutto
Recensione

Recensione

OGM di OGM
6 stelle

Ormai è chiaro: per Amos Gitai, l'aderenza alla realtà assume il carattere di un vizio. Principale sintomo ne è il presenzialismo del cineoperatore, a cui importa più di "esserci" e di "star nel mezzo" che di effettuare riprese dignitose. Questa (voluta) mancanza di controllo della macchina da presa dà vita ad un realismo molle, più che delicato, che, per mostrare l'insensatezza della…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Migranti

Redazione di Redazione

Ricerca della felicità individuale, fughe da realtà invivibili, esodi di massa in presenza di circostanze drammatiche. L'uomo si mette in movimento, spesso con dolore a volte con gioia e speranza, e lascia la sua…

leggi tutto
Playlist
2008
2008

Recensione

carlos brigante di carlos brigante
8 stelle

La Terra Promessa d'Israle non è quella dell'esodo del popolo ebraico di Mosè, ma è uno dei tanti bordelli a cui sono destinate tante ragazze trattate come merce, come bestiame da selezionare, da vendere e dunque da comprare. E' un Gitai incazzato, nudo, crudo come non si era mai visto. Telecamera quasi sempre a spalla, uso per lo più di campi strettissimi, ritmo frenetico, tutto in stile…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2005
2005

Recensione

pea di pea
8 stelle

lascio stare il discorso politico perche' altrimenti nn se ne esce piu'. anche se anche in questo film, per l'ennesima volta, il regista nn trascura di inserire l'attentatino nel gran finale, che nn guasta mai...tra l'altro in modo, come sempre, senza senso. a parte questo, che cmq puo' dare molto fastidio, il film e' buono secondo me, alcune bellissime inquadrature, le prime scene nel deserto…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

lao di lao
8 stelle

TOLEDAD---Eva Loventhal nel suo “Eva e le altre” mette in evidenza come la parola storia in ebraico, “toledad”, sia femminile plurale e significhi generazioni: la donna dunque è colei che fa nascere il presente, mentre l’uomo è colui che dà il nome alle cose. E in “Hotel promised land” di Amos Gitai il riferimento implicito alla tradizione culturale…

leggi tutto
Recensione

Recensione

fefy di fefy
4 stelle

Sono in pieno accordo con quanto dice Caprara, e cioe' che Amos Gitai, è uno di quegli autori nati con la camicia: i festival di tutto il mondo selezionano avidamente le sue opere, senza darsi mai la pena di verificare se per una volta non gli siano riuscite malamente. Ed è questo il caso: le intenzioni sono buone, ma il film pur avendo la pretesa stilistica pseudodocumentarita sfocia nel…

leggi tutto
Recensione

Recensione

scream di scream
8 stelle

Il film di Amos Gitai è un'incursione nel mondo dello sfruttamento della prostituzione, girato con stile documentaristico, sempre in bilico tra narrazione classica e reportage. La sofferenza e l'umiliazione a cui queste donne sono sottoposte traspare chiaramente dai fotogrammi della pellicola. Emblematica, in questo senso, la scena in cui le donne vengono vendute all'asta nel deserto, come se…

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito