Lavorare con lentezza

play

Regia di Guido Chiesa

Con Tommaso Ramenghi, Marco Luisi, Claudia Pandolfi, Valerio Mastandrea, Valerio Binasco, Jacopo Bonvicini Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Netflix
  • Chili
  • iTunes
In STREAMING

Trama

Bologna, 1976. Due ventenni, Sgualo e Pelo, per ovviare alla cronica mancanza di denaro fanno ogni tanto qualche "lavoretto" per un ricettatore locale. Questa volta, però, devono scavare un tunnel nel sottosuolo del centro per raggiungere la Cassa di Risparmio di Piazza Minghetti. Per vivacizzare le lunghe ore notturne di scavo, i due portano nel tunnel una radiolina e si sintonizzano su Radio Alice. Una notte decidono di andare alla sede dell'emittente. Entrano così in contatto con un mondo nuovo, scoprono musiche mai udite prima, conoscono la possibilità inebriante della comunicazione libera e poi gli scontri di piazza e le barricate del movimento studentesco.

Note

Chiesa e la banda Wu Ming sono scaltri nell'aggirare una serie di inevitabili ostacoli e così il linguaggio violento che oggi suonerebbe assurdo ancorché noioso di quegli anni caldi e affollati, è superato dalla serie di siparietti girati come reperti da Cinema Muto; e l'affondo nella politica è diluito con l'escamotage del buco da scavare per arrivare al caveau di una banca. C'è la freschezza, la "non voglia", il rifiuto del profitto come logica esistenziale, l'amore libero, la curiosità creativa che fecero di quella stagione una zona fertile da cui nacquero straripanti rivoluzioni, a cominciare dall'emancipazione femminista. Se manca qualcosa è in un angolo che si intuisce e che probabilmente è rimasto incagliato in una (in?)volontaria autocensura.

Commenti (10) vedi tutti

  • Si fa un po' fatica nella prima parte ad entrare nella storia ma poi il film diventa piacevole. Credo che sia un affresco abbastanza realistico del movimento del 77 a Bologna con la sua creativa fantasia, la sua rabbia, le sue contraddizioni.

    commento di Artemisia1593
  • Un minestrone emiliano piuttosto insipido. Si riprende un po' nel finale, ma che gran noia!!! Voto 4.

    commento di Brady
  • Ottima resa dell'instupidimento e conformismo in un certo periodo storico. Della borghesia? Niente affatto: della Sinistra extraparlamentare.

    leggi la recensione completa di SredniVashtar
  • Voto 6!

    commento di Mr Blonde
  • Pessimo. Biascicato, trascinato male, personaggi coinvolgenti come una seduta di fronte alla vernice di uno steccato mentre si asciuga.

    commento di grizabel
  • VOTO : 5,5 Mi aspettavo molto di più anche se il film in se non sarebbe male. Probabilemnte il mio giudizio in parte negativo è dovuto alle aspettative mancate. Complessivamente mi sembra una pellicola troppo retorica.

    commento di supadany
  • Non sarebbe nemmeno brutto come film, ma che strazio dovere sentire tutti (anche chi nonn è proprio capace) parlare in bolognese…

    commento di RageAgainstBerlusca
  • Una noia mortale se non per chi e' nato prima del 1960. Ma a dire di mio zio anche di quelli. un film assolutamente inutile.

    commento di embets
  • forse un po' troppo restrittivo nel rappresentere un'intera generezione, un'intera epoca che avrebbe meritato di più. nel complesso profondo e divertente…

    commento di freddyskunk
  • Aspetto con molta curiosità che esca in sala.

    commento di vanessa
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

GIANNISV66 di GIANNISV66
8 stelle

La storia di Radio Alice raccontata, pur nel rispetto della tragicità degli eventi (la radio venne chiusa all'indomani di scontri di piazza in cui rimase ucciso uno studente), con  sguardo ironico dal regista. Gustosa a d esempio la trovata di presentare gli studenti che fondano la radio con simpatici siparietti che richiamano il film muto in cui gli stessi appaiono come… leggi tutto

12 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

SredniVashtar di SredniVashtar
6 stelle

Il più grande e per me unico merito di questo film è riportare dalle segrete della memoria un certo linguaggio, un modo di fare, un clima che in differente e più ironico e leggero contesto Moretti aveva perfettamente reso col celebre siparietto “Mah… faccio cose, vedo gente, incontro, vivo situazioni”. Chi c’era e ci ha creduto, ritroverà… leggi tutto

16 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

lao di lao
4 stelle

IL TEMPO CHE FU----Il provocatorio intento di infrangere le barriere del linguaggio filmico tradizionale e di ribaltare luoghi comuni su avvenimenti di cronaca oramai inattuali ha influito sul su contenuto e stile di regia di “Lavorare con lentezza”, l’ultimo lavoro di Chiesa,regista torinese. Un progetto ambizioso, meritevole di attenzione certo, ma solo in minima parte… leggi tutto

10 recensioni negative

2021
2021
Trasmesso il 1 maggio 2021 su Italia 1
2020
2020
Trasmesso il 28 giugno 2020 su Italia 1
2019
2019
Trasmesso il 22 aprile 2019 su Iris
2018
2018
Trasmesso il 24 novembre 2018 su Italia 1
Trasmesso il 25 maggio 2018 su Iris
Trasmesso il 9 maggio 2018 su Iris
2017
2017
Trasmesso il 9 agosto 2017 su Iris
Trasmesso il 2 agosto 2017 su Iris
Trasmesso il 25 luglio 2017 su Iris
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

SredniVashtar di SredniVashtar
6 stelle

Il più grande e per me unico merito di questo film è riportare dalle segrete della memoria un certo linguaggio, un modo di fare, un clima che in differente e più ironico e leggero contesto Moretti aveva perfettamente reso col celebre siparietto “Mah… faccio cose, vedo gente, incontro, vivo situazioni”. Chi c’era e ci ha creduto, ritroverà…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso il 12 marzo 2017 su Iris
2016
2016
Trasmesso il 28 agosto 2016 su Iris
Trasmesso il 30 gennaio 2016 su Iris
2015
2015
Trasmesso il 30 giugno 2015 su Iris
Trasmesso il 1 marzo 2015 su Iris
2014
2014
Trasmesso il 3 novembre 2014 su Italia 1

Recensione

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Parte dal buco del culo del mondo questo film di Guido Chiesa che racconta l'Italia di quasi trent'anni fa. Parte da un buco che due ventenni senza arte né parte stanno costruendo nel cuore di Bologna per conto di un malavitoso (Binasco) per arrivare alla banca da svaligiare. E dai cunicoli fognari si allarga alla vita della radio che fa loro compagnia durante la notte, quella Radio Alice…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito