Trama

Julien, orologiaio quarantenne, ricatta Madame X. Pur conoscendo tutti i particolari del suo traffico di oggetti antichi, Julien ignora il più pericoloso dei segreti della donna: quello che lo lega a Marie, della quale Julien si è innamorato un anno prima e che ha appena rivisto...

Note

A metà film, con un colpo di scena, la storia d'amore tra Marie e Julien scantona verso il fantastico e il gotico, dando vita a uno dei lavori più appassionanti di Rivette: un melodramma che brucia piano, sempre più intenso e musicale. Nume tutelare della vicenda - oltre ai vari Cocteau e Hitchcock possibili - è Edgar Allan Poe, cantore di donne "ritornanti".

Commenti (5) vedi tutti

  • Voto 7/8 Intenso ma fragile nello sviluppo (ma forse non importa); comunque sia alcune sequenze sono da applauso. PREZIOSO

    commento di luca826
  • In sintesi, palloso ma bello. Eccessivamente lungo, ha poi un suo perché. Ben diretto, ottimamente recitato, la Beart è sempre una gnocca da paura. L'hanno visto 4 gatti, pubblico severo, critica troppo generosa.

    commento di tobanis
  • 7

    commento di incallito
  • un film che avra fatto cadere in depressione jerry zucker. 8+

    commento di mo green
  • BUONO,MA TROPPO EROTICO

    commento di RICHIARD
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

maurizio73 di maurizio73
8 stelle

Solitario orologiaio di mezza età incontra e si innamora, ricambiato, di un misteriosa ed affascinate ragazza con cui inizia una tormentata convivenza. Diviso tra una misurata e razionale passione per la meccanica e la ricerca di un difficile equilibrio sentimentale, estorce denaro ad una fraudolenta venditrice di pregiate sete cinesi con qualche scheletro nell'armadio, finendo per scoprire una… leggi tutto

16 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

fabiob di fabiob
6 stelle

Siamo alle solite. Quale il confine tra un certo modo francese (e non solo) di fare film intellettuali e la presa in giro? Forse che basta mettere una storia originale, poche parole, scene scarne, recitazione contenuta per fare un film? A me dispiace perchè amo il cinema francese, ma a volte ho l'impressione che questo si chiuda in un vicolo cieco. E questo film ne è un esempio. Do comunque un… leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

sasso67 di sasso67
2 stelle

Cinema irritante e vuoto, indeciso su tutto, specialmente sulla direzione da prendere. È porobabile che Rivette, come l'ultimo Chabrol, continui a girare per sentirsi vivo, ma è un cinema esangue come il personaggio di Emmanuelle Béart, con dialoghi letterari e lontani dalla realtà, situazioni fasulle lontane dalla realtà e risapute in quanto storie soprannaturali, con una trama parallela… leggi tutto

8 recensioni negative

2017
2017
locandina
Foto
2016
2016
2014
2014

Recensione

maurizio73 di maurizio73
8 stelle

Solitario orologiaio di mezza età incontra e si innamora, ricambiato, di un misteriosa ed affascinate ragazza con cui inizia una tormentata convivenza. Diviso tra una misurata e razionale passione per la meccanica e la ricerca di un difficile equilibrio sentimentale, estorce denaro ad una fraudolenta venditrice di pregiate sete cinesi con qualche scheletro nell'armadio, finendo per scoprire una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2012
2012

Recensione

sasso67 di sasso67
2 stelle

Cinema irritante e vuoto, indeciso su tutto, specialmente sulla direzione da prendere. È porobabile che Rivette, come l'ultimo Chabrol, continui a girare per sentirsi vivo, ma è un cinema esangue come il personaggio di Emmanuelle Béart, con dialoghi letterari e lontani dalla realtà, situazioni fasulle lontane dalla realtà e risapute in quanto storie soprannaturali, con una trama parallela…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2011
2011
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

Terzo ed ultimo capitolo delle Scene di vita parallela, trilogia che alcuni critici hanno voluto aprire in forma di quadrilogia anche a Celine e Julie vanno in barca (1974). Gli altri due titoli della serie sono Duelle e Noroit, entrambi del 1976; il fatto che a Rivette sia occorso un quarto di secolo per riprendere in mano questo film è dovuto alla grave crisi, professionale e fisica,…

leggi tutto
Recensione
2010
2010

Recensione

slim spaccabecco di slim spaccabecco
6 stelle

Un film francese diverso dai soliti, almeno per quanto riguardo lo sviluppo della trama. Comunque non si riesce a seguire bene per la lunghezza. Una mezz'oretta di meno avrebbe giovato. Inoltre rimane a metà tra la drammaticità e il thriller, non sapendo che strada prendere. Sufficiente ma non troppo.

leggi tutto
Recensione
2009
2009

Recensione

emmepi8 di emmepi8
8 stelle

  Il cinema di Rivette non si è mai appoggiato al cinema a grande respiro, il suo sapore intellettuale lo ha sempre precluso dal mercato tradizionale, ma questa è una scelta sua personale a cui non ha mai rinunciato e se qualche successo più di spessore è arrivato è stato solo dovuto al caso. Gli attori importanti se lo tengono caro, perché con lui…

leggi tutto
Recensione

Recensione

emmepi8 di emmepi8
8 stelle

  Il cinema di Rivette non si è mai appoggiato al cinema a grande respiro, il suo sapore intellettuale lo ha sempre precluso dal mercato tradizionale, ma questa è una scelta sua personale a cui non ha mai rinunciato e se qualche successo più di spessore è arrivato è stato solo dovuto al caso. Gli attori importanti se lo tengono caro, perché con lui…

leggi tutto
Recensione

Recensione

jonas di jonas
6 stelle

Quella di Marie e Julien è una storia di amour fou sospesa fra vita e morte, fra sogno e realtà (deliziosa la prima scena), in un clima un po’ in stile L’anno scorso a Marienbad ma con un finale ottimista, in cui l’amore sembra davvero poter superare ogni ostacolo. Poi c’è una sottotrama relativa a un ricatto esercitato da Julien nei confronti di una…

leggi tutto
Recensione

Recensione

almodovariana di almodovariana
6 stelle

Un pasticcio incredibile questo film che parte come un film sentimentale poi vira al thriller poi imbastisce una storia d'amore improbabile e "incoerente" . La Béart è una non-morta, un essere che vive sospeso tra due dimensioni perché strappato con violenza alla vita...

leggi tutto
Recensione

Cecità

Redazione di Redazione

Non vedenti, a volte anche invisibili. Una moltitudine come in Cecità, il film di Mereilles tratto dal lavoro del premio nobel Saramago, o solitari e disperati come la protagonista di Dancer in the Dark, una…

leggi tutto
Playlist
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2008
2008

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Quella di Julien è una vita scandita dal ritmo dell'attesa, in cui l'immobilità e la procrastinazione sono frutto di una scelta consapevole, si direbbe una sfida lanciata al destino, come per costringerlo a prendere lui l'iniziativa. La sua esistenza è ancorata al ciclo del tempo, imponente e pesante come l'ingranaggio di un orologio da torre. A ben vedere, però, più che una traiettoria…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

michii di michii
10 stelle

Capolavoro. Più complesso, meno lineare di La duchessa di Langeais e, purtroppo, quasi del tutto incompreso dalla critica. Il film è stato, nel 2003, rifiutato da tutti i festival, da Cannes a Venezia, ed è stato proiettato al Torino Film Festival. Non c'è un altro regista come Rivette che sappia dirigere Emmanuelle Béart, e i risultati si vedono. La tensione è costante e palpabile…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 23 giugno 2008 su Rai Movie
Trasmesso il 7 maggio 2008 su Rai Movie
Trasmesso il 10 marzo 2008 su Rai Movie
2007
2007
Trasmesso il 24 ottobre 2007 su Rai Movie
Trasmesso il 24 giugno 2007 su Rai Movie
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito