Espandi menu
cerca
Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

Regia di Alfonso Cuarón vedi scheda film

Recensioni

L'autore

scandoniano

scandoniano

Iscritto dal 27 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 74
  • Post 18
  • Recensioni 1430
  • Playlist 32
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

di scandoniano
8 stelle

Fuggito per il terzo anno di fila dalle grinfie degli zii schiavisti, Harry arriva a Hogwarts e scopre che il terribile Sirius Black (Gary Oldman) è sulle sue tracce. Tutto intorno a Harry è cambiato: così come è successo a lui (o meglio l’attore Daniel Radcliffe). Hogwarts sembra meno ospitale; le ambientazioni sono più dark, grazie anche alla regia di Cuaròn, che prende il testimone da Columbus. Tale vena “nera” era prevedibile già dalle anticipazioni rappresentate dal trailer, dai cartonati nei cinema, addirittura dallo stile della locandina.
C’è un po’ di Dickens ed un po’ di Shakespeare nelle ambientazioni, nelle interpretazioni, nelle atmosfere di “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban”, tanto che questo sembra, forse non il migliore, ma certamente il più inglese dei film sul maghetto occhialuto. Rispetto agli altri film, è più palese la crescita dei maghi, in particolare di Ron, ma anche di Hermione (Emma Watson), che si vedono usciti dall’età dell’infanzia per entrare nel mondo dove si fa sul serio. Straordinarie le scene col lupo mannaro, l’interpretazione dell’immenso Oldman e l’incipit in autobus.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati