Espandi menu
cerca
Panico

Regia di Julien Duvivier vedi scheda film

Recensioni

L'autore

zombi

zombi

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 98
  • Post 13
  • Recensioni 1643
  • Playlist 277
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Panico

di zombi
8 stelle

data la caratura della roba che ultimamente in provincia di piacenza e parma passa nelle sale cinematografiche, poi uno è normale che si butta a capofitto sul dvd e sulle cassette. anche a riguardo di un bel film come broken flowers, io di fronte ad un film come quello di duvivier rimango senza parole. non ci sono parole da spendere nei confronti della spazzatura che popola quel film. mi sono sentito sporco alla fine del film. tutta la bava che colava dalle zanne assetate di sangue di quella massa inferocita me la sono ritrovata addosso. e che dire di quella debole penosa donna interpretata dalla romance?... nulla nemmeno la pietà si merita. da un pappone come quello che lei persiste a difendere, non ci si aspetta nulla se non quello che ha ordito per sfuggire dalla fame, dalla giustizia, dalla mancanza assoluta di faticare e lavorare. insomma un parassita in poche parole. e quelle buone e brave famigliuole nelle loro casine linde, con le loro virtuose esistenze, cosa mai proveranno quando scopriranno che hanno ucciso un uomo innocente?... semplicemente qualsiasi attore che voglia fregiarsi di questo "titolo" dovrebbe guardarsi la performance di michel simon. alla fine quando è aggrappato a quel cornicione e sappiamo che è destinato a cadere e sfracellarsi al suolo, non si riesce nemmeno a deglutire. dichiarato morto, la folla già asserragliata dietro a muri, finestre, serrande ma vigile perchè bramosa di assistere allo spettacolo per dirsi orgogliosa di aver affidato alla giustizia dell'uomo lo schifoso pervertito, se ne torna alle proprie faccende. se non è questo panico!!!

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati