Trama

Oltre a vendere esche, cibo e attrezzature in una riserva di pesca sulla costa coreana, di tanto in tanto la muta Hee-Ji concede il suo corpo (come le altre giovani prostitute della zona) a clienti e turisti. Almeno finché non incontra Hyun-Shik, che sta cercando di sfuggire alla polizia dopo aver ucciso la fidanzata ed è ormai persuaso a suicidarsi: lei se ne innamora e gli offre aiuto, e da quel giorno niente sarà più lo stesso...

Note

Lento, liquido, avvolgente e silenzioso, un film che sintetizza gli stilemi (e alcune astuzie) di certo cinema orientale contemporaneo. Attenzione agli ami, e ai loro usi crudelmente alternativi.

Commenti (6) vedi tutti

  • Sesso, violenza (anche su animali)…un pò di ami da pesca infilati nei "punti strategici"…mamma mia che capolavoro !

    commento di Tex Murphy
  • Vivere un sogno seduti davantia allo schermo. lasciarsi trasportare in un mondo liquido di acqua, sangue, escrementi umani. non pensare e non dire nulla. liquido amniotico. musiche sempre al momento giusto. insomma, un bel film.

    commento di MIWER
  • Sconcertante. 7 1/2

    commento di kotrab
  • VOTO : 6,5 Crudo, asciutto e silenzioso. Un bell'affresco abbastanza coinvolgente.

    commento di supadany
  • Straordinariamento bello e dolente nella sua lentezza. Davvero una scoperta.

    commento di florentia viola
  • Pur nella sua complessiva lentezza e' senz'altro un buon film.

    commento di jeffwine
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

obyone di obyone
9 stelle

  La ragazza del lago ha un aspetto piacevole ed il corpo sinuoso e filiforme di un essere acquatico. Nuota come un pesce, e con disinvoltura buca il pelo dell'acqua senza incresparne la superfice oleosa. L'acqua, anzi, le scivola addosso conferendole un aspetto spaventoso e solenne nel fioco chiarore della notte. La ragazza del lago non proferisce verbo ma l'atteggiamento di sfida e lo… leggi tutto

10 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

Regista autodidatta, una gioventù divisa fra esperienze nell'esercito e vita da bohemien a Parigi, amante profondo  dell'arte, ha studiato agraria. In quanto a contraddizioni Kim Ki duk non è secondo a nessuno e forse il destino del suo cinema sarà sempre diviso fra astrazione e dura realtà, cercando di proiettarne un aspetto dentro l'altro. Il dosaggio minimo dei dialoghi si contrappone… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

luisasalvi di luisasalvi
4 stelle

Sento già gli acuti strilli (mai argomentati) di lodatori acritici del regista o in generale dei film orientali, meglio se molto simbolici e poco comprensibili e con tanta violenza e sangue e che avrebbero, secondo un luogo comune privo di fondamento, la caratteristica poetica della lentezza e dei silenzi (magari da Kurosawa a Woo, per non parlare dei successi popolari tipo Kung Fu, poi imitati… leggi tutto

2 recensioni negative

2019
2019

Recensione

obyone di obyone
9 stelle

  La ragazza del lago ha un aspetto piacevole ed il corpo sinuoso e filiforme di un essere acquatico. Nuota come un pesce, e con disinvoltura buca il pelo dell'acqua senza incresparne la superfice oleosa. L'acqua, anzi, le scivola addosso conferendole un aspetto spaventoso e solenne nel fioco chiarore della notte. La ragazza del lago non proferisce verbo ma l'atteggiamento di sfida e lo…

leggi tutto

Gennaio 2019

LorismaL di LorismaL

Di seguito i Film (ordinati per anno di uscita) visti nel mese di Gennaio.   Serie TV concluse: - 3a That's 70 show; - 1a Il Metodo Kominsky; - 1a Escape at Dannemora.

leggi tutto
Playlist
2018
2018

Recensione

AndreaVenuti di AndreaVenuti
9 stelle

L'isola è un film sud-coreano del 2000, scritto, diretto e montato da Kim Ki-duk; si tratta del quarto lungometraggio del regista e soprattutto primo film con il quale si fa consocere lontano dalla Corea: L'isola ha vinto il Corvo d'oro al Festival Internazionale del cinema fantatsico di Bruxelles.   Sinossi: in un lago coreano, molto lontano dal centro abitato, la…

leggi tutto

Film da dimenticare

giansnow89 di giansnow89

Film di serie B, film beatificati ad arte dalla critica, film riusciti male, film pretenziosi, o anche solo lavori teneramente ignobili: il panorama dei film brutti è variegato, nonché, come è…

leggi tutto
2017
2017
2016
2016
2015
2015

Top 10 2000

NickZeta di NickZeta

Lista dei 10 film prodotti nel 2000 che più mi hanno colpito a livello emotivo e/o cinematografico, ovviamente tra quelli da me visionati.

leggi tutto
Playlist
2013
2013

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
8 stelle

“Ogni uomo è un’isola”, bisognerebbe banalmente dire, o forse è meglio non correre il rischio di banalizzare. Sta di fatto che le isole della baia coreana di questo film sono isole artificiali, casette su zattere con tanto di buco per i bisogni fisici, in cui uomini (a volte con donne) si isolano da una civiltà molto lontana e convivono con una natura fredda che li lascia alle loro…

leggi tutto
2012
2012
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

GIMON 82 di GIMON 82
8 stelle

Il film che ha "esportato" Kim Ki-Duk agli applausi europei,prima di allora era un emergente regista poco considerato in patria,un film foriero di svenimenti e malori durante la proiezione al Festival di Venezia del 2000.Prima di passare alla mia visuale "critica" sul film,voglio ribadire che prima di questo Festival di Venezia (metaforicamente la mia "vacanza estiva"),conoscevo Kim Ki-Duk di…

leggi tutto

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

Regista autodidatta, una gioventù divisa fra esperienze nell'esercito e vita da bohemien a Parigi, amante profondo  dell'arte, ha studiato agraria. In quanto a contraddizioni Kim Ki duk non è secondo a nessuno e forse il destino del suo cinema sarà sempre diviso fra astrazione e dura realtà, cercando di proiettarne un aspetto dentro l'altro. Il dosaggio minimo dei dialoghi si contrappone…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2011
2011

I SETTE DI PANFLOSAN

panflo di panflo

Quando mi iscrissi a questo sito ho sùbito avvertito l' abisso che separava il mio modo di esprimermi con l'abilità di scrittura e la scioltezza di diversi altri utenti ; pian pianino ho avuto il coraggio…

leggi tutto
2010
2010

Puttane

Redazione di Redazione

Niente eufemismi pietosi. Per identificare la professione più antica del mondo - quella che forse vanta anche il maggior numero di appellativi (volgari e non) - meglio andare dritti. Lo ha fatto Ken Russel, non…

leggi tutto
Playlist
2009
2009

Recensione

Sigfrida di Sigfrida
8 stelle

Una riserva di pesca sulla costa coreana. Le vite della muta Hee-Ji e di Hyun-Shik si incrociano e si scontrano. In questo microcosmo di case galleggianti che si differenziano solo dai colori, la solitudine della giovane donna "riconosce" e "comprende" la disperazione del giovane Hyun-Shik( ricercato dalla polizia per aver ucciso la fidanzata) e se ne innamora. Ma la nascita di questo amore non…

leggi tutto

Isole

Redazione di Redazione

Solitudini e latitudini (basse), naufragi e buen retiros. L'isola è talvolta un altrove dove fuggire o sognare di fuggire, altre volte un eterno dove dal quale si sogna di scappare... Occasionalmente un perfetto qui e…

leggi tutto
Playlist

Bubusettete

ROTOTOM di ROTOTOM

"Sempre", che parolona. La società degli assoluti non ammette zone grigie, oasi di incertezze, lentezze ponderate. Prevalgono gli assolutismi perchè non abbiamo molto tempo da dedicare al prossimo, ancora…

leggi tutto

Pesci

Redazione di Redazione

Una taglist forse non facile, che magari non produrrà i consueti grandi numeri, di certo però semplice nella definizione. Vogliamo tutti i film in cui appare un pesce, o dei pesci. Fresco, vivo, morto, surgelato, a…

leggi tutto
Playlist
2008
2008

Recensione

luisasalvi di luisasalvi
4 stelle

Sento già gli acuti strilli (mai argomentati) di lodatori acritici del regista o in generale dei film orientali, meglio se molto simbolici e poco comprensibili e con tanta violenza e sangue e che avrebbero, secondo un luogo comune privo di fondamento, la caratteristica poetica della lentezza e dei silenzi (magari da Kurosawa a Woo, per non parlare dei successi popolari tipo Kung Fu, poi imitati…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito