Espandi menu
cerca
La sparatoria

Regia di Monte Hellman vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 91
  • Post 64
  • Recensioni 4478
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La sparatoria

di sasso67
8 stelle

Un western anomalo, uscito tre anni dopo l’attentato di Dallas, di cui conserva, nelle atmosfere, il senso di smarrimento e di paura per il tradimento. Quella delle sparatorie tra cowboys, pistoleros, cacciatori di taglie e affini era un’America che, come quella dell’assassinio di Kennedy, uccideva sé stessa, lasciando nello sbigottimento e nella costernazione chi era chiamato ad assistervi. Anche in questo film, girato secondo l’estetica cormaniana, ma non lontano dalle atmosfere dello spaghetti western, non mancano i luoghi comuni, ma vi si respira un’atmosfera malata e decadente che sembra rimandare ai film di Roger Corman dedicati al ciclo di Poe. In film come questo non vi è alcuna speranza per il futuro né il rimpianto per un passato che non è né mitico né eroico. All’origine di tutto vi è un peccato originale (nel caso specifico, l’omicidio di un uomo e di un bambino, da parte di un minatore ubriaco), che non può che generare vendette ed ulteriori lutti. Anche in questa visione pessimistica, messa in scena dignitosamente con pochi dollari, risiede la grandezza del film di Hellman.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati