Espandi menu
cerca
Twentynine Palms

Regia di Bruno Dumont vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Twentynine Palms

di FilmTv Rivista
4 stelle

Twentynine Palms è un film vecchissimo, atroce. Il suo regista Bruno Dumont, dopo l’interessante L’età inquieta e il problematico e compiaciuto L’umanità rivela che il monumento visivo che sta erigendo alla sua poetica è prematuro e con fondamenta friabili come la sua concezione del Cinema. I suoi sono pretenziosi manufatti che riflettono, con molti decenni di ritardo, sulla durata (per lo spettatore questa elucubrazione si traduce in una noia abissale), sulla bassa definizione di personaggi non rotondi e odiosi (i suoi dialoghi - qui - sono interferenze vocali, rumori fatici, grugniti da orgasmo, ripetizione di una dozzina di vocaboli) e sulla relazione non originale tra figure e paesaggio (Wenders, Antonioni e Ferreri - solo per citare tre nomi - avrebbero sviluppato questo incastro di corpi e rocce, vuoto geografico e vuoto dell’anima in modo meraviglioso). Si potrebbe continuare nell’elenco delle questioni su cui l’Autore Dumont suppone di avere una qualche verità da scoprire ai danni dei suoi attori e dei suoi spettatori. Due deficienti (candidati, dalla prima sequenza, al disastro) si aggirano con una certa dilatata casualità nel deserto californiano, Lui è un fotografo che sta facendo dei sopralluoghi e lei è una donna forse amata, certamente desiderata con fellatio in piscina da soffocamento, amplessi sulle rocce da body-landscape-art o nella triste e desolata camera di un motel. Sesso a morte, repubblichetta dei sensi, disamore fou. Tra litigi, lezioni di guida, polvere, risate, bronci da schiaffi, coiti disperati e ridicoli, un gelato o un piatto cinese, esasperanti cambi d’umore, pipì all’aria aperta, passeggiate a piedi nudi nel villaggio sperduto, incontri con cani meno randagi dei protagonisti, sgommate premonitorie, urla violente, automobili che vanno avanti e indietro, passano i giorni (molto più che un tranquillo weekend di paura) prima dell’annunciato tragico, violento, scontato finale di sangue. Il deserto californiano è bello ed è facile da inquadrare e questa non è certo una scoperta epocale del regista. I due attori, Katia Golubeva e David Wissak, sono sopraffatti da due ruoli di maniera, scritti molto male, e sono entrambi abbandonati alla loro isterica altalena. Dumont sembra detestare in maniera irreversibile i suoi interpreti. Molte inquadrature sono belle, ma il merito è soltanto della natura.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 21 del 2004

Autore: Enrico Magrelli

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati