Espandi menu
cerca
Sogno di prigioniero

Regia di Henry Hathaway vedi scheda film

Recensioni

L'autore

kotrab

kotrab

Iscritto dal 1 gennaio 2004 Vai al suo profilo
  • Seguaci 154
  • Post 21
  • Recensioni 1526
  • Playlist 33
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Sogno di prigioniero

di kotrab
9 stelle

In questo caso limite del sistema hollywoodiano hanno il loro culmine l'estetica e l'etica del sogno, l'intreccio inestricabile del destino che tutto ha pianificato, la follia dell'amore assoluto e puro, trionfante contro ogni separazione, contro ogni ostacolo umano e spaziale.

Il cinema, nella sua mecca onirica, si celebra e ci ammalia, dipana le fila confondendosi con la vita stessa e con quella parallela del nostro inconscio, ci inganna placidamente e ardentemente insieme, sornione e cinico, taumaturgo traumatizzante. Si confonde con la luce del mondo (il "rombo del mondo", un fulmine che distrugge il castello di carta, la luce che fende la sala e poi ci folgora quando si giunge alla fine), con i sogni, con la materia e i sentimenti. 

Tutto è possibile in questa esultanza di innocenza di due bambini (meravigliosamente bravi Dickie Moore e Virginia Weidler) già dalla profondità adulta e dalla bellezza incorruttibile, dentro e fuori, realismo e surrealismo sono una cosa sola, il bianco, il nero e il grigio trasfigurano con dolcezza un legame che travalica le "normali" coordinate spazio-temporali e restituiscono, assieme alle fresche e ingenue melodie di Ernst Toch, un pathos intenso e distillato, una bellezza autentica che non conosce morbosità o malafede.

Però, è il destino che dirige le passioni o sono queste che dominano gli avvenimenti?

Radiosità e splendore si incarnano nei volti e nel carisma di G. Cooper ed A. Harding.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati