Espandi menu
cerca
Ecce Bombo

Regia di Nanni Moretti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

tafo

tafo

Iscritto dal 26 febbraio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 25
  • Post 1
  • Recensioni 410
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Ecce Bombo

di tafo
10 stelle

Il più importante ritratto dei giovani del cinema italiano?
Se ne può discutere anche se a mio avviso è difficile trovare un film personale e generazionale, privato e universale, familiare e sociale, ironico e cinico, fatto di gag verbali e montaggio spezzettato migliore di questo.
I rapporti familiari esplodono, si capovolgono e si confondono, il figlio picchia il padre, il fratello fà il padre con la sorella e la mamma non capisce nulla. Dopo il 68, la famiglia ha perso autorità è appare inutile e superato anche il film di Bellocchio, rendendo nei fatti superflua e inutile la violenza estrema dei Pugni in Tasca. Il bamboccione Moretti non ha necessità di uccidere i genitori perchè lo devono mantenere e sentirsi in colpa per questo, senza potere sapere nulla di quello che i figli fanno. I rapporti con gli amici sono pieni di una ricerca di un qualcosa che riempia il tempo, colmi la loro inadeguatezza. La noia è un abitudine, le libertà di quegli anni appaiono troppo pesanti come i discorsi in una comune, comunque osservati e guardati dalla parte sbagliata, come un alba attesa da ovest.
Il solito scherzo telefonico ne svela l'infantilismo latente ricercato dal nostro come antidoto allo stereotipo giovanile. I giovani infatti non possono essere annoiati, fiacchi e infantili, ma devono per definizione essere vitali, risoluti e affamati di vita sempre pronti a trasgredire a essere un pò rivoluzionari per forza. I rapporti con le donne  sono instabili e immaturi, dove la libertà sessuale diventa inacpacità di relazionarsi seriamente e concretamente all'altro sesso e viene fuori la solita ossessione sessuale unita all'ebbrezza di soffiare la moglie ad un amico, come se si dovesse disturbare l'anormale normalità di quel rapporto. I vitelloni di Moretti possono scegliere se andare a confortare un amica che sta male ma alla fine si disperdono nei frammenti finali in attività frivole e rumorose, Felliniane nella forma, ma che anticipano nella sostanza il vuoto esistenziale delle generazioni successive. La cosa giusta da fare è andare a trovare quella amica e stare in silenzio se non si hanno cose importanti da dire.
Un film-limite dopo il quale al cinema sarebbero apparsi sempre più ggiovani volgari e rumorosi senza l'ironia e la critica sociale del nostro, dove i limiti generazionali erano visti come difetti, dopo diventeranno tragicamente dei pregi da esaltare e che non ci meritavamo. Nemmeno Moretti probabilmente pensava  di dover rivalutare il cinema dei Manfredi e dei Sordi rispetto ai bamboccioni mocciosi e brizzolati di oggi.    

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati