Espandi menu
cerca
The Ring

Regia di Gore Verbinski vedi scheda film

Recensioni

L'autore

zombi

zombi

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 98
  • Post 13
  • Recensioni 1644
  • Playlist 277
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su The Ring

di zombi
6 stelle

me lo merito proprio.... BRAVO, BRAVO, BRAVO LUCA. luca che sarei io. bravo perchè ho fatto bene a resistere e a stare sulle mie decisioni e convinzioni, che di certo non mi cambiano la vita e non me la migliorano, però mi fanno soddisfare di me stesso e mi fanno dire BRAVO sempre a me stesso... pat, pat, pat(mi sto dando le pacche sulle spalle). ora ho visto l'originale e il remake, poichè anche se diverso in alcuni punti e a detta di alcuni un film diverso(mah?, boh?) rimane un remake. un punto fermo resta, nessuno dei due mi ha terrorizzato in alcun modo. l'aspettativa era troppa in entrambi in casi, anche se comunque nei confronti del remake statunitense ho sempre avuto delle riserve. ad ascoltare recensioni di critici di professione e di amici che avevano visto il film di verbinski avrei dovuto schiattare alla visione e invece, soprattutto quella statunitense, sono passate via abbastanza bene, senza lasciare strascichi. vuoi perchè l'ho voluto vedere prima, vuoi perchè la cultura tutta nipponica mi è distante anni luce, il film di nakata mi ha più che spaventato, inquietato. l'universo a stelle e striscie ci ha già da un pò invaso mente e gusti, ed è più familiare oramai. il film di nakata assomiglia veramente di più ad una lontana maledizione di un mondo troppo lontano. il film di verbiski fila via liscio che mi è sembrato un gran bel compitino, svolto bene, troppo decantato, doppiato distrattamente e superficialmente, recitato a mio avviso un tanto al metro. belli i posti, anzi stupendi. incalzante il mistero che si disvela pian pianino fino a quando si arriva al pre-finale. purtroppo un pò troppo spiegato. a parte l'origine di samara(adottata?... partorita?...)e quei maledetti poteri che uccidono, non mi viene risparmiato il pistolotto della madre sul suo desiderio di donna di avere una figlia. il film di nakata mi sembrava un pò più misterico, che disvelasse un pò meno sulla madre e su sadako(giusto vero?). bella comunque la scena della watts nel pozzo con samara, ripresa paro paro a quella nipponica. spiriti violenti che si vendicano a causa di un forte rancore, bambini violati e uccisi, bambini dotati di poteri che loro malgrado uccidono. no è male. e non è male quello che dice brian cox alla watts: " voi giornalisti prendete le disgrazie e le spargete nel mondo come un'infezione". un'infezione che non si può fermare se non trasmettendola ad altri. per salvare me o i miei cari, devo uccidere altri. non è etico, ma chissenefrega, di fronte alla morte tutto diventa lecito.
belle le musiche di hans zimmer, soprattutto alla fine quando ho potuto ascoltarle senza farmi distrarre dalla immagini e gli attori, beh... direi buono al bambino, ma la watts secondo me è quel che è. almeno in the ring è insipida, bella e insipida, per di più mortificata dal doppiaggio. non era malaccio in 21 GRANNI anche se il film era inguardabile. sicuramente molto meglio in MULHOLLAND DRIVE. il regista... mi sembra un buon intrattenitore, di quelli che fanno felice hollywood. non ho ancora visto il film sui pirati zombi con johnny depp, e mi sono rifiutato di vedere THE MEXICAN con i due superdivi(????) pitt e roberts.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati