Espandi menu
cerca
8 Mile

Regia di Curtis Hanson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

will kane

will kane

Iscritto dal 24 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 82
  • Post 6
  • Recensioni 4131
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su 8 Mile

di will kane
8 stelle

"8 mile" è la lunga strada che divide la Detroit piu'sporca,violenta e attraversata da macchine rugginose ,abitata da Jimmy Smith e il suo mondo di rappers aspiranti al successo, e quella piu'abbiente.Curtis Hanson ha scommesso pesante scegliendo di dirigere un film che in pratica romanza l'esperienza vera di Eminem,ingrugnato divo della musica hip-hop,molto chiacchierato in passato per certi suoi testi accusati di omofobia e razzismo.In questo senso,i curatori dell'edizione italiana hanno fatto molto bene a sottotitolare i rap intrapresi nel film,e le definizioni di "nigger"(negro) e "faggot"(frocio),pur pronunciate in modo spregiativo,hanno un senso dialettico nel codice dei ragazzi dei quartieri bassi,intesi come modi di apostrofare il prossimo,certo non gentilmente,ma non nel modo offensivo che si pensa."8 mile" ha incassato molto in America,e anche qui sta andando piuttosto bene,portando nelle sale file di giovani curiosi di vedere la star musicale in veste d'attore:e ,pur con qualche prevedibilita' nella trama,e qualche passaggio obbligato del cinema ambientato nei quartieri malfamati,il film è discreto.Hanson illustra un romanzo popolare di gente consapevole di vivere ai margini della societa',che vive male e non ha molte speranze di riscatto,dalla madre belloccia e cialtrona del protagonista(una Kim Basinger coinvolta,ma non credibile del tutto nella parte,è troppo bella...)al gruppo di amici casinisti e un po'sfigati,ai rivali truci e fasulli ,visto che provengono da famiglie piu'solide.Uno spaccato di grande citta'americana desolata,in cui le speranze di un domani migliore sono pallide,e il protagonista,con il nome d'arte di "B-Rabbit",vince la gara di rap,ma si allontana da solo in una strada lurida,in una notte nera e non troppo bella.Furente con tutto e tutti,Eminem si cala nel ruolo che richiama molto il suo personaggio con ovvia naturalezza,ma ha buoni momenti,e forse non è la belva che vuol dare a intendere.E dalla pellicola di un regista comunque che sa fare cinema con volti e ambienti,emerge un racconto di presa di coscienza di se' tutt'altro che da trascurare.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati