Espandi menu
cerca

Trama

Le giornate di Karrer si snodano tutte uguali, in un errare scandito dal rumore di una teleferica o dal battere della pioggia. Il tentativo di coinvolgere altre persone nella propria esistenza sarà fallimentare, e a Karrer non resterà altro che odio e solitudine...

Note

Un'altra esemplare e inesorabile parabola dal grande autore magiaro.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

Karrer (Miklos B.Szekely) quando non è intento a fissare dalla finestra della sua abitazione i carrelli sospesi sulla teleferica che trasportano il carbone, passa il suo tempo al bar Titanik. Qui lavora la cantante (Vali Kerekes) di cui è innamorato, l'unico spiraglio di luce in mezzo a tanto buio. Vive di espedienti Karrer, aiutandosi anche con affari poco leciti. Ne ha uno per le… leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

"L'inconsolabilità delle cose". Dopo i primi estenuanti tre quarti d'ora riusciamo a penetrare Perdizione, il film della svolta e in questo senso una delle prime analisi del vuoto in bianco e nero del regista ungherese, che contenuto e riflessivo realizza il suo primo inno alla ridondanza. Le cose, in questo senso, si sono svuotate, si sono fatte espressione eloquente ma muta della… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

2018
2018
2017
2017
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2015
2015

Recensione

Tex61 di Tex61
9 stelle

  Bela Tarr o lo ami o lo detesti; non esistono vie di mezzo. Io, anche in considerazione della mia foto-profilo, non do adito a dubbi! “Perdizione” è ancora una volta una pellicola sulle miserie dell’uomo e l’ossessivo perseverare del regista ungherese su questo concetto è forse l’unico suo limite. “Perdizione” è il film della…

leggi tutto

Recensione

ezio di ezio
6 stelle

In un grigio paese (piove dall'inizio alla fine del film) tagliato fuori dal mondo Karrer (Szekely) sembra uscire finalmente dalla propria apatia, coinvolge in loschi traffici il marito della cantante (Kerekes) del Bar Titanik,per rimanere solo con lei.Quinto film del regista dove evidenzia uno stile maturo e piu' che l'intreccio ,contano i personaggi e le atmosfere con piani-sequenze…

leggi tutto

Recensione

Baliverna di Baliverna
6 stelle

Pochi registi riescono a comunicare un senso di disperazione come Bela Tarr; questo "Perdizione", il cui titolo parla già chiaro, è sulla stessa lunghezza d'onda del successivo "Satantango", sia quanto a stile che quanto a contenuto. Riguardo al primo, il film è composto da una serie di piani sequenza, animati (si fa per dire) solo da lentissimi carrelli laterali. Il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

scandoniano di scandoniano
8 stelle

  In una desolata pianura ungherese, il solitario Karrer trascorre le sue giornate a guardare la pioggia e la funivia, pensando sempre a Vali, una cantante sposata con Willarsky, suo amico. A quest’ultimo Karrer gira un affare losco per portarlo lontano da casa ed avere il tempo di conquistare la donna. Con Béla Tarr la macchina da presa sa scomparire. I volteggi, i…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
9 stelle

Terra, anzi fango, pioggia fitta, cani randagi che scorrazzano nella notte, rischiarati dalla luce fredda e impermeabile dei neon che sovrastano il Titanik Bar; città in cui palazzoni grigi lasciano spazio a piazzali desolati dove l'acqua della pioggia tracima in laghi e pozze gelate; Karrer fissa l'orizzonte infinito, dove dal nulla spunta una teleferica che attraversa l'orizzonte…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
2014
2014
locandina
Foto
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
2013
2013

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

"L'inconsolabilità delle cose". Dopo i primi estenuanti tre quarti d'ora riusciamo a penetrare Perdizione, il film della svolta e in questo senso una delle prime analisi del vuoto in bianco e nero del regista ungherese, che contenuto e riflessivo realizza il suo primo inno alla ridondanza. Le cose, in questo senso, si sono svuotate, si sono fatte espressione eloquente ma muta della…

leggi tutto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

mmciak di mmciak
8 stelle

"Kárhozat-Perdizione" diretto nel 1987 da Béla Tarr,devo dire che mi è piaciuto molto. Il Film si svolge in un luogo non meglio definito della pianura ungherese, dove piove costantemente e raccontano le giornate di Karrer,passate principalmente al Bar Titanik e di coinvolgere altre persone nella propria esistenza. Il Film prodotto dalla Hungarian Film Institute in collaborazione…

leggi tutto

Recensione

ed wood di ed wood
8 stelle

Il film che inaugura l'età d'oro del cinema tarr-iano è una sintesi anticipata di tutto ciò che il grande regista ungherese avrebbe proposto nel ventennio successivo. Lasciato alle spalle il brillante e personale "apprendistato" sulla scia ora di Cassavetes ("Nido Familiare") ora di Forman ("Rapporti prefabbricati"), all'insegna di mestissimi spaccati di quotidianità domestica nella…

leggi tutto
2012
2012

Recensione

chribio1 di chribio1
5 stelle

Film non proprio brutto ma comunque abbastanza pesante in qualche punto.voto.5.

leggi tutto
Recensione

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

 Il lungo piano sequenza iniziale è probabilmente un piccolo manifesto ideologico della visione cinematografica secondo Bela Tarr, spostando quasi impercettibilmente il punto di vista e allargandone l'orizzonte temporale, lo scenario della vita può cambiare in modo determinante, è la vita che si trasforma in arte. Il protagonista, Karrer, vive di espedienti, in una condizione esistenziale di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito