Espandi menu
cerca
L'imbalsamatore

Regia di Matteo Garrone vedi scheda film

Recensioni

L'autore

scandoniano

scandoniano

Iscritto dal 27 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 75
  • Post 18
  • Recensioni 1430
  • Playlist 32
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'imbalsamatore

di scandoniano
8 stelle

LOCANDINA-

L'imbalsamatore (2002): LOCANDINA-

 

L‘imbalsamatore nano Peppino ed il giovane cuoco Valerio si conoscono quasi per caso ed avviano un rapporto di amicizia intensissimo che diviene anche professionale. L’uomo fa affari con la camorra, che gli presta i soldi per far fare la bella vita al ragazzo, al punto che il legame tra i due diventa morboso ed ambiguo. L’arrivo della cremonese Deborah spezza gli equilibri…

Folgorante opera di Matteo Garrone che trae da un fatto di cronaca, ed adatta insieme a Ugo Chiti e Massimo Gaudioso, una fiaba nera di straordinario valore. In primis estetico: le conoscenze artistiche del regista influiscono decisamente sul valore della fotografia, sgranata e cupa anche nelle scene all’aperto. Nelle immagini girate al Sud non c’è mai il sole, il mare è sempre increspato, le atmosfere perennemente spente.

Il protagonista principale è il nano cinquant’enne Peppino, interpretato da un Ernesto Mahieux vincitore di un David per la sua interpretazione dell’uomo che incarna subdolamente il male assoluto, che non si ferma davanti a nulla; affabulatore efficace, il tassidermista della camorra è torbido, viscido, malsano e pericoloso. L’intensità del suo personaggio si evince fin dalle prime scene, quando ancora non conosce il suo delfino Valerio, eppure i suoi sguardi sono già forieri di meschino arrivismo e morbosa aberrazione sociale. Tecnicamente sono fondamentali le riprese in soggettiva e più in generale per tutto il film gli sguardi risultano basilari per la costruzione delle vicende, quasi fosse un western, specie nella parte iniziale.

Atmosfere cupe e disturbanti per una pellicola che è un incrocio tra un thriller ed un film drammatico, che rivela il talento del piccolo grande Ernesto Mahieux e denota  effetti sonori stranianti e importantissimi nell’economia complessiva.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati