Espandi menu
cerca
La captive

Regia di Chantal Akerman vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 70
  • Post 7
  • Recensioni 2723
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La captive

di barabbovich
2 stelle



A Parigi c'è il rampollo annoiato di famiglia aristocratica (Merhar), che vive in una casa damascata e decadente. Il ragazzo è ossessionato dall'amore per Ariane (Testud), che pur essendo racchia anziché no, quasi non se lo fila ma ne approfitta quel tanto che basta. Pare che la ragazza abbia qualche inclinazione saffica, il che non fa che irrobustire gli assilli del giovane fighetto.
La quintessenza del cinema francese intellettualoide, vuoto, monocorde, laccato, fintamente elegante, stavolta prende spunto nientepopodimeno che da La prigioniera di Proust. Con la pretesa di proporre un cinema intimista e suggestivo, la regista Chantal Akerman non ottiene altro che dialoghi imbarazzanti recitati da volti inespressivi, per un'opera che si dà tutta l'aria del cinema d'autore.   

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati