Espandi menu
cerca
Secretary

Regia di Steven Shainberg vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ArwenLynch74

ArwenLynch74

Iscritto dal 29 maggio 2019 Vai al suo profilo
  • Seguaci 9
  • Post 2
  • Recensioni 75
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Secretary

di ArwenLynch74
8 stelle

Una ironica e intelligente satira sul tema delle molestie sessuali sul posto di lavoro.

Steven Shainberg dirige un film su una coppia che si compensa a vicenda: Lui, E Edward Grey è un avvocato dallo studio un po' asettico, niente computer, solo una semplice macchina da scrivere, Lei Lee Holloway, una donna con problemi di autolesionismo, che è appena uscita da un istituto psichiatrico per risolvere il problema che non si è risolto e la famiglia è la principale responsabile.

Per ricominciare una nuova vita, Lee trova lavoro presso lo studio dell'avvocato Grey, e scopre la sua predisposizione al masochismo, come? Ad ogni errore di battitura lui la sculaccia, e a lei piace, lui è sadico, con Lee scopre di poter portare questa sua predisposizione oltre i limiti.

Nella coppia è proprio Lee l'anello più forte, perchè oltre a sottomettersi con gioia alle sue sculacciate se ne innamora, e quando entra in gioco l'amore le cose si complicano.

Scritto dalla sceneggiatrice femminista Erin Cressidra Wilson, è una acuta riflessione su due persone che si compensano con le loro predisposizioni disfunzionali, ma se Lee riesce ad accettare la cosa, e mette finalmente da parte le lamette dell'autolesionismo - ed è stata una cosa che l'ha fatta guarire - per l'avvocato Grey le cose si fanno più complicate.

Lui è appena uscito da un matrimonio, non intende cominciare una nuova storia, con la sua segretaria per giunta.

Al Sundance film festival John Waters ha inventato un premio su misura per lui - al film più bizzarro - e gliel'ha assegnato.

In effetti se ci pensate bene anche i personaggi sembrano usciti da un film di Waters, specialmente la madre di Lee.

Maggie Gyllenhaal ci regala un personaggio capace di entrare in simpatia con lo spettatore, e ci entra eccome, lieto fine per entrambi, che la cocciutaggine di Lee gli fa capire che è proprio la donna giusta per lui.

Un film che nonostante siano passati ben 17 anni, riesce ancora a sorprendere con le sue tematiche, non un erotismo patinato, ma fetish per entrambi, contornato da una storia d'amore, in pratica sono la coppia perfetta.

Se non l'avete visto recuperatelo, sorprenderà anche voi.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati