Espandi menu
cerca
Ridere per ridere

Regia di John Landis vedi scheda film

Recensioni

L'autore

millertropico

millertropico

Iscritto dall'11 ottobre 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 33
  • Post 2
  • Recensioni 305
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Ridere per ridere

di millertropico
6 stelle

Il titolo italiano di questo film è come al solito demenziale: "Ridere per ridere". Io preferisco chiamarlo col titolo originale: "The Kentucky Fried Movie": capisco la difficoltà di fare una traduzione letterale, ma qualcosa di più intelligente si poteva sicuramente trovare.

 

Il film è un collage di una ventina di sketch parodistici spesso strettamente legati agli anni in cui è stato pensato e realizzato quindi è inevitabile che un poco nel frattempo sia invecchiato.

 

Come potremo definirlo? una serie di appunti frettolosi e demenziali finalizzati a strapazzare adulatori, staff, porogrammatori e palinsesti del piccolo schermo a suon di battute snocciolate con la disinvoltura goliardica di John Landis e Co. portati sullo schermo solo un anno prima di "Animal House".

 

Una gazzarra comica e sbeffeggiante fatta apposta per sganasciarsi senza rimorsi dalle risa davanti alla ricostruzione sgangherata dei film di genere o di un programma televisivo statunitenseche allora andava per la maggiore.

 

Annunciatori impassibili, presentatori al limite dell'idiozia, lettori di oroscopi che stramazzano in diretta colpiti da delle frecce... e così via. La lista dei paradossi è interminabile.

 

Il set televisivo di Landis diventa una specie di sarabanda di giochi degli equivoci fra spettatori e showmen: una vera e propria inversione delle regole che trasforna "quelli dentro la scatola" (la televisione) in guardoni incalliti dche spiano da dietro lo schermo, le intimità domestiche delle famiglie... irriverente anche con il pubbilo in sala (come dimostra quell'avvertezza  che appare in apertura della pellicola ("Attenzione al pop corn che state mangiando: potrebbero averci pisciato dentro") e non c'è davvero molto altro da dtre, se non che fra gli sceneggiatori ci sono anche gli Zucher e Jim Abrahams.

 

Rimane comunque il dubbio se a ridere siano stati più i realizzatori del film o i suoi spettatori.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati