Espandi menu
cerca
Quell'incerto sentimento

Regia di Ernst Lubitsch vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 132
  • Post 16
  • Recensioni 8805
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Quell'incerto sentimento

di mm40
4 stelle

Una donna conosce un affascinante pianista: i due frequentano lo stesso psicanalista. Il marito di lei, accortosi del flirt, non fa nulla per trattenerla. Anzi, su suggerimento di un amico tenta di ingelosirla fingendo di avere a sua volta un’amante. La moglie tornerà ben presto con la coda fra le gambe.

Per essere uno dei suoi ultimi film, c’è qualcosa che non torna: Lubitsch sembra infatti tornare indietro di almeno 10-15 anni con Quell’incerto sentimento, riproponendo l’ennesima commediola degli equivoci e delle gelosie all’interno di una coppia che scoppia per poi riaccoppiarsi nel doveroso lieto fine, esattamente come nelle sue pellicole del primo periodo hollywoodiano (fine anni ’20, inizio ’30). È una perplessità più che giustificata: stiamo parlando in effetti del remake di Baciami ancora, film licenziato nel 1925 da Lubitsch partendo dal medesimo testo teatrale (autori Victorien Sardou e Emile DeNajac), qui trasformato in sceneggiatura cinematografica da Walter Reisch; scontento del primo tentativo – peraltro andato perduto: oggi non risulta più visibile alcuna copia di Baciami ancora – il regista di origine tedesca ha pensato bene di girare di nuovo la stessa storia di tentazioni amorose e infedeltà punite. La morale è fin troppo facile e i personaggi sono psicologicamente malleabili all’ennesima potenza; rimangono comunque le buone interpretazioni di Melvyn Douglas, Merle Oberon, Burgess Meredith e, in ruoli minori, di Alan Mowbray, Sig Ruman, Olive Blakeney e Harry Davenport. Decisamente non stiamo parlando del prodotto meglio riuscito (e più ispirato, soprattutto) di Lubitsch, ma comunque di un lavoro portato a termine con buona cura e capace di intrattenere e generare qualche sorriso per un’ora e mezza circa. 4/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati