Espandi menu
cerca
Star Wars - Episodio 2 - L'attacco dei cloni

Regia di George Lucas vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Maciknight

Maciknight

Iscritto dal 29 ottobre 2014 Vai al suo profilo
  • Seguaci 16
  • Post 1
  • Recensioni 422
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Star Wars - Episodio 2 - L'attacco dei cloni

di Maciknight
4 stelle

Non c'è alcun motivo valido per considerare questo secondo episodio migliore del primo, è solo ancor più spettacolare, l'intrattenimento è assicurato ma il contenuto è semmai ancor più discutibile del primo, più ambiguo e criticabile

Del primo episodio avevo fornito una valutazione negativa sperando di poterlo correggere col secondo episodio, ma non mi è possibile, non c’è alcunché che ne riscatti la superficialità dei contenuti. Semplicemente rispetto al primo, gli autori hanno ancor più accentuato la spettacolarità, ad altissimi livelli di qualità e coinvolgimento dello spettatore, con battaglie continue intervallate da sequenze di un romanticismo da soap opera, banale ed inverosimilmente edulcorato , per un target prepuberale o di eterni adolescenti. Il punto debole a mio avviso rimane la descrizione dell’Ordine dei Cavalieri Jedi. L’autore ha avuto parecchi decenni a disposizione per farsi un’idea un poco più precisa ed elaborata delle potenzialità insite in un ordine equestre di secolare durata, sulla quale proiettare il potenziale che potrebbe derivare dal possesso di tecniche e tecnologie fantascientifiche, e se tutto quello che è riuscito a partorire è quanto emerge da questi primi due episodi, siamo a livelli di una superficialità imperdonabile. Senza contare che solo ogni tanto ci si rammenta che possiedono la cosiddetta “forza”, che si traduce in poteri ESP da scanner, cioè la capacità di muovere gli oggetti con la forza del pensiero concentrato, magari dopo che hanno lottato a lungo e solo con la spada laser ed in maniera convenzionale, rischiando gravemente per la propria incolumità, il ché ci fa dedurre che non si segue una logica narrativa coerente nello sviluppo dei personaggi e dell’azione ma solo una logica commerciale e spettacolaristica complessiva, finalizzata all’intrattenimento senza alcun contenuto cognitivo, simbolico e/o esoterico. Peccato che paradossalmente ho avuto modo di riscontrare negli anni passati che alcuni passaggi e contenuti dialogici e concettuali della serie sono stati invece innalzati agli altari della cultura di alcuni settori come modelli di riferimento concettuale ed analitico, come se rivelassero chissà ché o avessero dei meriti occulti, chiavi di lettura a mio avviso di natura proiettiva, in cui si vuol vedere ciò che non c’è. Semplicemente mettendo insieme centinaia di ingredienti si può essere certi che qualcuno va a segno ed incontra il gradimento di un’ampia porzione di pubblico, più o meno osannante. Lo scontro finale in cui tutti i cavalieri Jedi, già ridotti a numeri modesti e quindi a rischio di estinzione, vanno a dar battaglia, è una contraddizione in termini, poco prima nel film avevano ribadito che avevano altri compiti, di custodi della pace e non dovevano combattere come comuni soldati, inoltre è un comportamento dal punto di vista strategico e gestionale da suicidio, che rivelerebbe una leadership inadeguata al ruolo. Anche questo aspetto è una forzatura finalizzata all’esclusivo intento della spettacolarità, efficace dal punto di vista visivo, ma povera da quello contenutistico. Forse l’unico aspetto che reputo valido è il tratteggio del personaggio del giovane cavaliere jedi Anakin Skywalker che contiene i geni culturali di quella che negli USA è la destra cinica e distruttiva dei neocons, una cultura nazista bellicistica che emerge bene in alcune sequenze del film, sia nel modo riduttivo e violento di ragionare e di agire in battaglia del pargolo americanizzato, aspetto che impedisce di considerare il film una fiaba fantascientifica ma lo pone maggiormente sul fronte della propaganda più sofisticata.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati