Segni di vita

Regia di Werner Herzog

Con Peter Brogle, Wolfgang Reichmann, Athina Zacharopoulou Vedi cast completo

Guardalo su
  • Chili
  • Chili
  • Chili
  • Chili
In STREAMING

Trama

Nel 1942, i partigiani cretesi attaccano la guarnigione tedesca: nel corso dell'azione viene ferito anche il soldato Stroszek, che in ospedale sposa la greca Nora. Il tempo trascorre, e poco a poco in Stroszek cominciano a manifestarsi i sintomi della pazzia...

Note

Sorprendente lungometraggio d'esordio di Herzog.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
8 stelle

SEGNI DI VITA  è  il primo lungometraggio del giovane Herzog, che nel 1968, aveva 25 anni  ma era già capace di esprimere nelle immagini potenti e molte indimenticabili una storia narrata lentamente, in tono con il clima spirituale e ambientale. Il film, rasserenante e sconvolgente insieme, contiene tutti i temi e molte tecniche di ripresa che saranno riproposte, in evoluzione,… leggi tutto

12 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

Herzog esordisce così, con una storia di follia ed angoscia, di incomunicabilità e disagio, tutti temi cari al regista e che verranno sviluppati più dettagliatamente in seguito, da Anche i nani... a Kaspar Hauser, dal furente Aguirre (il cui delirio è il medesimo di quello del finale di Segni di vita) allo stolido ma ingenuo Stroszek della ballata omonima - il cui nome è lo stesso del… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2017
2017
locandina
Foto

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

Stroszek (Peter Brogle) è un militare che, durante la seconda guerra mondiale, si ritrova a combattere sul fronte greco. In un combattimento contro i partigiani viene gravemente ferito. Trasportato in ospedale, viene affidato alle cure di Nora (Athina Zacharopoulou), una donna del posto che diventerà sua moglie. Rimessosi, si  trasferisce sull'isola di Creta insieme a Nora e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
2015
2015

Recensione

EugenioRadin di EugenioRadin
10 stelle

Dove sono i “segni di vita” o meglio, cos’è la “vita” in questoLebenszeichen, primo lungometraggio di quel grande cineasta che è Werner Herzog? Darò subito la risposta: la vita è qui intesa come “dinamitismo” nicciano, come esplosione di volontà di potenza, come capacità, oltre che volontà, di vivere…

leggi tutto
2014
2014

Recensione

TheBigLeRowski di TheBigLeRowski
8 stelle

Primo bellissimo lungometraggio che diede inizio alla carriera di W. Herzog, uno dei più grandi cineasti della storia. La storia ambientata a Kos, in Grecia, racconta di un soldato tedesco, Stroszek, che assieme a moglie e due suoi commilitoni viene assegnato il compito di sorvegliare un deposito di munizioni in una fortezza sul mare. Primi grandi momenti di poesia ed estatica verità.

leggi tutto
Recensione
2013
2013

Recensione

TheWarOfEcho di TheWarOfEcho
8 stelle

Durante i combattimenti della Seconda Guerra Mondiale, il soldato tedesco Stroszek viene gravemente ferito e portato al sicuro. A lui e alla sua compagnia viene perciò assegnato un compito abbastanza semplice: quello di badare a una tranquilla cittadina. Ma la monotonia del luogo fa impazzire Stroszek, che minaccia di far esplodere un vicino deposito di munizioni. Primo film di Herzog, che fa…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

zombi di zombi
8 stelle

vien da chiedersi a quali segnali di vita intendesse rivolgersi herzog nel lontano sessantotto quando iniziava la sua lunga e fruttuosa avventura nel lungometraggio cinematografico. grecia, seconda guerra mondiale. il soldato stroszek viene ferito alla testa e spedito insieme a due commilitoni sulla tranquilla isola di kos, ignorata dalle ferite mortali della guerra che stanno invece piagando…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

bufera di bufera
8 stelle

SEGNI DI VITA  è  il primo lungometraggio del giovane Herzog, che nel 1968, aveva 25 anni  ma era già capace di esprimere nelle immagini potenti e molte indimenticabili una storia narrata lentamente, in tono con il clima spirituale e ambientale. Il film, rasserenante e sconvolgente insieme, contiene tutti i temi e molte tecniche di ripresa che saranno riproposte, in evoluzione,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti

Recensione

chribio1 di chribio1
7 stelle

Mi e' parso discretamente interessante e con una Storia che sembrerebbe in qualche passaggio di piu' difficile interpretazione ma lo stesso lo si riesce a guardare facilmente.voto.7.

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2011
2011

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

I segni di vita sono messaggi disperati  lanciati dall’uomo contro la guerra, che è sempre inutilità, e talvolta è anche noia. La vita del paracadutista Stroszek - distaccato, dopo un grave ferimento, su un’isoletta del Peloponneso con mansioni di vigilanza – è piena della finta pace che caratterizza il nulla: in questo caso, a circondarlo…

leggi tutto
2009
2009

Recensione

maldoror di maldoror
8 stelle

Davvero sorprendente questo esordio herzogiano, un gioiellino visivo che affronta già la tematica centrale di tutto il suo cinema a venire, ovvero quella del titanismo, della follia, del contrasto fra civiltà e irrazionalità, della lotta dell'uomo "superiore" contro il tutto e, quasi sempre, del suo fallimento. Il film è impregnato di suggestioni metafisiche, sia…

leggi tutto

Isole

Redazione di Redazione

Solitudini e latitudini (basse), naufragi e buen retiros. L'isola è talvolta un altrove dove fuggire o sognare di fuggire, altre volte un eterno dove dal quale si sogna di scappare... Occasionalmente un perfetto qui e…

leggi tutto
Playlist

Follia

Redazione di Redazione

Dolore e sofferenza, ma occasionalmente anche genio e sregolatezza. Il cinema di denuncia, politico e sociale, ha soprattutto usato la messa in scena del disagio per attaccare le istituzioni e i metodi di cura. Ma non…

leggi tutto
Playlist

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Herzog esordisce così, con una storia di follia ed angoscia, di incomunicabilità e disagio, tutti temi cari al regista e che verranno sviluppati più dettagliatamente in seguito, da Anche i nani... a Kaspar Hauser, dal furente Aguirre (il cui delirio è il medesimo di quello del finale di Segni di vita) allo stolido ma ingenuo Stroszek della ballata omonima - il cui nome è lo stesso del…

leggi tutto
Recensione
2007
2007

Recensione

Zarathustra di Zarathustra
8 stelle

"Ha fallito, come tutti i suoi simili". La lotta con l'impossibile è già tema centrale. La pazzia come rivelatrice di un cambiamento doveroso, della ricerca di senso al di là del quotidiano. Il film colpisce anche a livello stilistico, certi silenzi e certi movimenti di macchina mostrano già il cuore del cinema herzoghiano.

leggi tutto
Recensione
2006
2006

Recensione

sokurov di sokurov
8 stelle

L'esistenza, immutabile, sempre uguale, la noia della quotidianità nei giorni che si ripetono, senza alcun senso, portano alla follia chi è dotato di una sensibilità "diversa". Avverte attorno a sè questa immobilità-eternità-morte, e la respinge. In Stroszek cominciano i "segni di vita", e si ribella. Qui sta il senso della rivolta del protagonista, che dichiara guerra a tutto e a tutti,…

leggi tutto
Recensione
2004
2004

LEBENSZEICHEN di Werner Herzog

SONATINE di SONATINE

il titanico Herzog nella piccola,sperduta,sparuta isoletta di Kos,nel mar egeo.il suo soldato,il suo Stroszek(un nome che è forse suop da sempre)si cimenta nell'impresa di sopravvivere all'inarrestabile "stand der…

leggi tutto
Playlist
2002
2002

PERLE DIMENTICATE (dai distributori)

Njitap di Njitap

Sono i veri martiri dell'omologazione culturale, le vittime sull'altare di Hollywood, il "mea culpa" di tutti gli italiani che lavorano nel cinema e che amano il cinema, perle che il solo Enrico Ghezzi ha saputo…

leggi tutto
Playlist

Recensione

strangelove di strangelove
8 stelle

Il primo lungometraggio di Werner Herzog è profondamente herzoghiano in tutto.Non è un grande film,ma è un imperdibile parabola sulla follia,nonchè un atto di denuncia al sistema militare.Concentrato in un piccolo nucleo,totalmente funzionale alla lenta pazzia che contamina il protagonista,è una pellicola a basso costo,ma già ricchissima di idee.Per i fans di Herzog rappresenta un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito