Espandi menu
cerca
La donna del destino

Regia di Vincente Minnelli vedi scheda film

Recensioni

L'autore

darkglobe

darkglobe

Iscritto dal 24 ottobre 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 10
  • Post 2
  • Recensioni 44
  • Playlist 5
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La donna del destino

di darkglobe
8 stelle

Una brillante commedia di Minnelli, strepitosa la coppia Peck - Bacall

Eccellente prova alla regia di Vincente Minnelli, in una brillante commedia che racconta la storia di un colpo di fulmine con matrimonio istantaneo tra un reporter sportivo (Gregory Peck), che crede di aver bucato una notizia, ed una seducente disegnatrice di moda (Lauren Bacall), che in realtà - lui totalmente ubriaco - gli ha dato una mano a pubblicare l'articolo. Peccato che poi scoprano soltanto dopo le nozze, tornando a New York, di appartenere a due mondi sociali piuttosto diversi... Molto efficace e divertente l'interpretazione della Bacall; lo stesso Gregory Peck, mai sopra le righe, rende bene l'idea del maschio americano in difficoltà psicologica per l'aver sposato una donna più ricca di lui.


Non mancano nel film le citazioni, alcune esplicite: il giornalista ubriaco (Accadde una notte di Capra), l'incompatibilità sociale (La donna del giorno di Stevens, film dal quale vengono volutamente estirpate alcune battute); inoltre il cane invadente con la scarpa in bocca è una tipica gag in stile Tashlin e ricorda quello de La bionda esplosiva, pubblicato lo stesso anno (chi cita chi?); infine il pratico cinismo del finale (l'amante che suggerisce alla moglie di chiudere un occhio) sembra quasi scritto da Wilder.


Eppure il gioco delle citazioni non è nascosto, ma è piuttosto un lucido montaggio di archetipi ed idee propri della commedia americana più classica, senza manierismi ma anzi in un contesto di ambientazioni eteree, colori e scene tipici del miglior Minnelli. Originale ed acutamente ironica infine l'idea del racconto narrato dai 5 protagonisti (lui, lei, i due reciproci ex ed il pugile suonato) di una storia che tutto è fuorché un giallo, quanto piuttosto una normalissima vicenda di contrasti sentimentali. Grecory Peck e Lauren Bacall paiono affiatatissimi, difficile dire se la coppia James Stewart e Grace Kelly, presa inizialmente in considerazione, avrebbe potuto garantire analoga verve comica.
Commedia americana, dicevamo, di cui questo film rappresenta uno dei migliori punti di approdo dei fine '50. Premio Oscar per la miglior sceneggiatura.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati