Figli. Hijos

play

Regia di Marco Bechis

Con Carlos Echevarría, Julia Sarano, Stefania Sandrelli, Enrique Pineyro Vedi cast completo

Guardalo su
  • Infinity
  • Sky Go
In STREAMING

Trama

Buenos Aires, durante la dittatura militare. Una desaparecida prigioniera partorisce due bambini, maschio e femmina. Lei è "salvata" dall'ostetrica, lui viene espropriato dalla famiglia di un gerarca. Milano, oggi. Javier conosce Rosa, una ragazza che arriva dall'Argentina e si dice convinta di essere sua sorella. Partiranno insieme verso Barcellona per fare l'esame del Dna e riallacciare il legame di sangue con la loro storia e la loro identità.

Note

Seconda istruttoria, tesa, drammatica, con una scrittura che coinvolge e raggela (l'emotività, l'enfasi, i possibili colpi di scena, la trama) su una memoria terribile. Marco Bechis, dopo "Garage Olimpo", con un linguaggio e uno stile consapevolmente diversi dal film precendente, continua a mettere a fuoco l'invisibile: la tragedia degli uomini e delle donne trucidati e cancellati dalla dittatura argentina. Torturati e assassinati i padri e le madri, i militari si sono occupati con zelo efferato, dei figli, appena nati, dei desaparecidos. "Adottati" ed espropriati come dei beni, degli oggetti. Un bottino di guerra simbolico. Tra il 1976 e il 1984 sono stati almeno cinquecento i bambini scomparsi e affidati ad altre famiglie. Tra la Lombardia e Barcellona, con un epilogo a Buenos Aires, l'elaborazione del lutto, dei ricordi, del passato restituisce a Rosa e Javier una verità atroce in cui le leggi del sangue, della violenza e della politica sono il vero Dna di un capitolo della Storia recente.

Commenti (9) vedi tutti

  • Pessima colonna sonora e silenzi affossano un tema importante che lo spettatore si deve soltanto immaginare.

    commento di ferni
  • Nonostante l'argomento così importante ed interessante, il film mi pare piuttosto lento, presuntuoso ed alla fine noiosetto

    commento di Cleopatra
  • Non importa se fratelli di sangue o meno, ciò che conta è essere hijos, figli, di un'atrocità incommensurabile che non deve essere annacquata nell'oblio per nessun motivo al mondo.

    commento di satura
  • Il film ha un'alta carica morale e alcune buone idee di regia. I tempi della narrazione, dilatati, ben si sposano al ritmo dolente della storia, ma in più punti tendono a stancare, toglieno mordente alla pellicola

    commento di robynesta
  • Senza scadere in facili pietismi Bechis prosegue il lavoro iniziato con "Garage Olimpo" presentandoci una storia in cui i personaggi sono figli e fratelli del proprio triste destino. Il carnefice ha spesso la faccia del buon padre di famiglia!

    commento di carlos brigante
  • Il film è effettivamente bruttino, scialbo e girato male… in compenso però il tema è tremendamente serio ed importante… chissà che film ne sarebbe venuto fuori in mano ad un Loach…

    commento di RageAgainstBerlusca
  • Non stiamo tanto a girarci intorno: il film non è un granchè nonostante l'importanza del tema trattato.

    commento di sonicyouth
  • VOTO : 6 Per quanto narrativamente sia interessante è purtroppo a tratti troppo lento e troppo spesso succede quello che ti aspetti. Sentito ma anche troppo politico.

    commento di supadany
  • forse tecnicamente non è un grande film, forse è un po' confuso anche come sceneggiatura, ma grazie bechis per farci dolorosamente pensare

    commento di lemmy caution
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

hallorann di hallorann
8 stelle

Marco Bechis è nato in Cile ma la famiglia un anno dopo si trasferì in Argentina. All’età di 22 anni durante la dittatura di Videla venne catturato da quattro militari, torturato e rinchiuso in una delle tante carceri sotterranee, liberato ed espulso decise di venire a vivere in Italia. L’Argentina è sempre stata nel suo cuore e quando nel 1991 ha esordito… leggi tutto

14 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

rosebud di rosebud
6 stelle

Un'altra delle pagine buie di una umanità di fine millennio. Il film di Marco Bechis, sudamericano naturalizzato italiano, è l'ideale seguito del suo GARAGE OLIMPO, che ha scosso il pubblico qualche anno fa. Il primo terminava con le immagini dell'inenarrabile violenza perpretata dal regime argentino begli anni 70: gli oppositori al regime, in gran parte giovani, venivano scaraventati, legati,… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

2021
2021
Trasmesso il 20 febbraio 2021 su Iris
locandina
Foto
2019
2019
Trasmesso il 9 giugno 2019 su Rete 4
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 25 marzo 2019 su Iris
Trasmesso l'8 marzo 2019 su Iris
2018
2018
Trasmesso il 3 ottobre 2018 su Rete 4
Trasmesso il 4 luglio 2018 su Iris
2017
2017

ROTOLANDO VERSO SUD

panunzio di panunzio

Buenos Aires querida, ci sono mai stato? O forse è solo un mito personale ma si sa quanto i miti servano a leggere il presente e tirare avanti prima di tirare le cuoia. ho visto il bar Sur ma anche la…

leggi tutto
2016
2016
Trasmesso il 1 giugno 2016 su Iris
2015
2015
Trasmesso il 29 ottobre 2015 su Iris
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 15 luglio 2015 su Iris
2014
2014
Trasmesso il 6 aprile 2014 su Canale 5
Trasmesso il 2 febbraio 2014 su Iris
2013
2013
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
8 stelle

La tragedia della scomparsa dei figli dei desaparecidos argentini, che sul finire degli anni settanta (quelli della dittatura di Videla) venivano sottratti ai loro genitori, per finire nelle famiglie dei militari sterili o venduti all'estero. La sorte dei genitori era ben peggiore: venivano gettati nell'oceano dagli aerei e mai più ritrovati. Tenendo sempre altissimo il rigore del suo cinema di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2012
2012
Trasmesso il 27 dicembre 2012 su Iris
Trasmesso il 29 agosto 2012 su Iris
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito