Espandi menu
cerca
K-Pax. Da un altro mondo

Regia di Iain Softley vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 218
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su K-Pax. Da un altro mondo

di FilmTv Rivista
4 stelle

Due Oscar (“I soliti sospetti” e “American Beauty”) non bastano a rendere indiscutibile un attore e Kevin Spacey non fa eccezione. Presenza, aspetto, tecnica di recitazione e un carisma (centrifugo rispetto a ruoli tondi e pieni), nel suo caso, hanno bisogno di una struttura narrativa solida e di coprotagonisti molto validi rispetto ai quali ritagliare, cesellare e inventare personaggi monomaniaci. Quando mancano entrambi o viene meno uno di questi due elementi, i suoi film - come sta accadendo negli ultimi mesi - non funzionano.

“K-Pax” è cucito, senza accensioni, per un suo show di maniera. Nel film è Prot, un misterioso e mite uomo caduto sulla Terra da un altro pianeta - come si ostina a ripetere - o riemerso da un passato traumatico. Viene ricoverato in un manicomio, ispirato alla versione rosa di “Qualcuno volò sul nido del cuculo”, e ha subito un grande ascendente sugli altri pazienti. Per stare tranquilli, il regista e lo sceneggiatore (si fa fatica a stabilire chi sia più inconsistente), lo affidano alle cure di Jeff Bridges, psichiatra, già alieno - “Starman” di Carpenter - . Il rapporto tra i due, per motivi filmografici, dal momento che ogni attore porta scritto nelle proprie rughe tutti i personaggi che ha interpretato, è una delle poche cose scaltre in un film molto modesto.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 5 del 2002

Autore: Enrico Magrelli

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati