Espandi menu
cerca
Il favoloso mondo di Amélie

Regia di Jean-Pierre Jeunet vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il favoloso mondo di Amélie

di FilmTv Rivista
6 stelle

Se Ivan Graziani fosse ancora tra noi cambierebbe il nome della fanciulla della sua più celebre canzone. È Amélie, non Agnese, a sapere di cioccolata. E a sprizzare dolcezza e gioia ad ogni sorriso. Ha stregato Parigi, la Francia, il Mondo, questa ragazza di vent’anni che arriva da Montmartre e un giorno scopre di avere una missione, alleviare le pene degli altri. Anche dolori e frustrazioni minime: la solitudine della vicina di casa, lasciata dal compagno, o quella dell’anziano genitore che augura al nanetto del giardino lunghi viaggi in posti esotici, quelli che lui stesso ha sempre sognato. A un certo punto Amélie si innamora di uno come lei, un tizio caduto dalla Luna che colleziona frammenti di fototessere gettati via. Vivranno, il principe azzurro e la sua fatina, felici e contenti? Benvenuti nel “favoloso” mondo di Amélie Poulain, concepito da mastro Jeunet con le tonalità color pastello dei presepi di marzapane. Un film accattivante, edificante, nazionalpopolare, avvolgente, ruffiano. Ma anche intelligente, divertente, leggero, ben scritto, coinvolgente. Il cinema di intrattenimento di massa come dovrebbe essere. Al di là di qualche lungaggine (la fiaba e la simpatia della fanciulla hanno preso la mano anche agli autori) “Il favoloso mondo di Amélie” accompagna lo spettatore dove buongiorno vuol dire veramente buongiorno, in un’immaginaria Montmartre vista come luogo fantastico lontanissimo dalla realtà ”a luci rosse” dei dintorni. Un altrove dove non si incontra Bob il giocatore ma personaggi eccentrici, figurine allo zucchero filato, comunità in cerca di speranza e contentezza. È vero che i conflitti sono irrealisticamente disciolti negli occhi cristallini di Amélie, ma è altrettanto vero che Jeunet non inganna sulla sua scelta di campo estetica. Chi non ama il cinema-confetto (che ha diritto di esistere), si astenga.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 5 del 2002

Autore: Mauro Gervasini

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati