Espandi menu
cerca
Vajont

Regia di Renzo Martinelli vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 221
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Vajont

di FilmTv Rivista
4 stelle

Una tragedia all’italiana. Come tante altre, chiamate “fatalità”, da addebitare alla “natura crudele”. In realtà, frutto di superficialità e cinismo, inerzia e furbizia, tutte nostre belle caratteristiche nazionali. Alle 22,39 del 9 ottobre 1963, quando anche nel bar di Longarone si guarda la partita tra Real Madrid e Rangers Glasgow, una gigantesca frana di 270 milioni di metri cubi si stacca dal monte Toc, cade nel lago artificiale del Vajont e alza un’immensa onda che supera la diga e si abbatte nella valle sottostante, spazzando via tutto e uccidendo più di duemila persone. Martinelli (“Porzus”) vuole coniugare impegno civile e spettacolo, alto costo (18 miliardi) e storie quotidiane, accuse ai potenti della Sade, l’antenata dell’Enel, e adesione alle vite (e alla morte) degli umili. Ci sono i cattivi arroganti, ingegneri, funzionari, politici, manager, affaristi, e c’è l’eroina senza paura, la giornalista Tina Merlin, inviata dell’“Unità”. Ci sono le piccole storie d’amore e i costosi effetti speciali. Purtroppo, manca il cinema. Sciatteria diffusa, recitazione dimessa, regia inesistente. Le buone intenzioni non salvano il film. La vera, drammatica meditazione sul Vajont resta lo spettacolo teatrale di Marco Paolini.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 44 del 2002

Autore: Bruno Fornara

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati