Espandi menu
cerca
Planet of the Apes - Il pianeta delle scimmie

Regia di Tim Burton vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Lina

Lina

Iscritto dal 28 ottobre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 111
  • Post 8
  • Recensioni 1081
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Planet of the Apes - Il pianeta delle scimmie

di Lina
8 stelle

Remake del film omonimo del 1968, realizzato in questo caso da Tim Burton che ispirandosi sempre al romanzo di Pierre Boulle, ma con maggiore fedeltà, differenzia non poco la sua opera (soprattutto nella parte finale) da quella che vide come protagonista Charlton Heston.

A dispetto di tutte le critiche che ha ricevuto, è un film davvero travolgente e ben fatto. Possiede delle scenografie a dir poco stupende e suggestive e poi, ha degli effetti speciali e dei trucchi pregevoli. Ricco di surrealismo, avventura e sentimento, racconta la storia dal punto di vista delle scimmie che odiano gli esseri umani che le hanno sempre trattate come creature stupide ed utili solo per i loro scopi scientifici. Quindi, il soggetto principale in questo caso, è un mondo del futuro popolato e governato dalla loro società che si dimostra alquanto progredita e che è stata fondata proprio da una scimmia che era stata spedita per errore nel futuro durante un viaggio nello spazio insieme al suo padrone. La trama dunque è davvero ben congegnata e non annoia neppure per un minuto. La sceneggiatura possiede una narrazione affascinante, è ricca di dialoghi efficaci e di situazioni molto intriganti che attirano parecchio la curiosità dello spettatore, in più la storia ha un buon ritmo ed un ottimo livello di suspence. Nel dettaglio, sono le disavventure di alcuni umani malcapitati sul pianeta delle scimmie che rendono il tutto abbastanza appassionante. La vera sorpresa si ha quando si scopre che non tutte le scimmie detestano gli uomini e che non tutti gli uomini vogliono dominare le scimmie, tantochè nasce addirittura un sentimento tra la scimmia Ari e l'astronauta Leo Davidson. Il film dunque, oltre a sottointendere la solita morale schierata contro ogni forma di dispotismo e di guerra, cerca anche di far capire che la vita non è solo bianca o nera, ma che è composta spesso da sfumature che possono resistere nel mezzo delle cose con il giusto equilibrio. La parte migliore comunque secondo me è proprio il tanto criticato epilogo: inquietante e deliziosamente inconcludente.

 

Tim Burton

 

Ha fatto un ottimo lavoro nel dirigere questo remake, altrochè. Ha abbandonato per giunta il suo tipico stile dark-onirico-umoristico per dimostrare d'essere all'altezza di occuparsi anche di cose diverse... in questo caso ha snobbato l'idea di realizzare un remake identico al film con Heston preferendo diversificarlo per renderlo anche più simile al romanzo di Boulle e davvero non capisco perchè negli Usa abbia ricevuto così tante critiche...

 

Mark Wahlberg

 

Convincente.

 

Helena Bonham Carter

 

Assolutamente perfetta ed intensa, è riuscita a trasmettere molte emozioni nel difficile ruolo della scimmia Ari.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati