Espandi menu
cerca
Strange World - Un mondo misterioso

Regia di Don Hall vedi scheda film

Recensioni

L'autore

obyone

obyone

Iscritto dal 15 dicembre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 79
  • Post 4
  • Recensioni 391
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Strange World - Un mondo misterioso

di obyone
6 stelle

 

scena

Strange World - Un mondo misterioso (2022): scena

 

Parliamo di un film non eccelso che, tuttavia, non è così male come i social media lasciano intendere mentre riportano i pessimi incassi statunitensi, peggiori persino del fallimentare "Il pianeta del tesoro" del 2002. In Italia i risultati del botteghino non fanno più testo già da tempo e servono, al massimo, ad anticipare il "domino" di chiusure che si rincorreranno nei mesi a venire. Le quattordici persone di domenica pomeriggio in sala per "Strange World - Un mondo misterioso" rappresentano un segno inequivocabile del trend. I social, dunque, si abbuffano di sensazionalismo decretando che il 61° classico Disney ha ottenuto il peggior punteggio dell'aggregatore "pinco pallino" senza nemmeno abbozzare un'analisi critica del film decretandone, semmai, la definitiva debacle. Al di là della spirale negativa alimentata da "faccialibro & Co". bisogna dire che Walt Disney dovrà metter mano alle proprie strategie d'impresa che si sono dimostrate un'arma a doppio taglio come testimoniano i risultati mortiferi di questo film. Se la casa del vecchio Walt vuol guadagnare dalle sale cinematografiche dovrà per forza di cose rivedere i tempi della distribuzione perché gli abbonati si sono ormai abituati ad aspettare quel paio di mesi che separano l'uscita in sala da quella in streaming. E poiché il costo dello spettacolo per una famiglia tipo (quattro persone) è diventato proibitivo quanto un paio d'ore di riscaldamento è intuibile che la finestra sia diventata uno scoglio più che accettabile da superare. Disney ha preso i suoi clienti e gli ha detto di farsi i pop-corn, estrarre un bibita dal frigo e liquefarsi sul divano, con una serie di film d'animazione senza sbocco cinematografico o recuperabili in brevissimo tempo. La mossa è servita a incrementare gli abbonamenti al servizio + ma ora che la crescita di tutti i giganti dello streaming è in stallo ed il settore sembra saturo la strategia forse va rivista.

Va rivista anche quella produttiva perché ad essere sincero il vero difetto di "Strange World", e qui iniziamo a parlare del film e del suo contenuto, è l'esasperante politically correct ormai assunto ad onnipresente mantra di tutti i prodotti disneyani.

 

scena

Strange World - Un mondo misterioso (2022): scena

 

Se Disney vuole fare veramente qualcosa per arricchire il dibattito politico e sociale intorno alle tematiche LGBTQ deve inventare delle storie centrate su quell'argomento. La soluzione adottata finora è stata quella di buttare un sasso qui ed uno lì nascondendo la mano subito dopo. È successo in "Onward", in "Red", in "Lightyear" ed ora in "Strange world" in un crescendo di minutaggio sempre più spesso superfluo. In "Onward" vi fu la prima scena LGBTQ della storia e quindi l'esperimento doveva essere breve per forza e risultò poco pertinente, in "Red" la sequenza fu altrettanto breve ma molto più intrigante e ben giocata, in "Lightyear" la questione veniva esplorata con le dovute cautele ma con maggior vigore. In "Strange World", invece, le tematiche sono sembrate aliene dal contesto, banalizzate e svuotate di qualsiasi significato dal politically correct imperante che, a ben vedere, è il codice Hays dell'ultimo decennio. C'è una sequenza che rende chiaro ciò che intendo dire. Ethan ed il nonno si trovano per la prima volta faccia a faccia. Il ragazzino è gay ma il nonno, un uomo rude, un avventuriero tutto d'un pezzo che 25 anni prima aveva abbandonato il figlio molliccio sulle montagne perché pavido ed attratto da "piante e fiori" anziché dall'esplorazione, spiega al nipote come conquistare il ragazzo amato. La narrazione manca di coerenza ed il personaggio del vecchio ne rimane influenzato negativamente.

La sequenza, così come prodotta, è imbarazzante e pone la censura sul dibattito addomesticando il vecchio leone. Poiché per tutto il film le tre generazioni di maschi della famiglia Clades (Ethen, Searcher e Jeager) si affrontano e litigano rinfacciandosi le rispettive manchevolezze mi chiedo se non fosse più indicato un confronto aperto e bellicoso tra il nonno, un uomo della vecchia guardia, ed il giovane e non allineato nipote. Come per gli altri argomenti del conflitto (libertà, assenza paterna, pressione genitoriale) l'accettazione della diversità del nipote, dopo un dibattito familiare con la generazione più vecchia e indolente, avrebbe aiutato a scolpire le psicologie dei personaggi con maggior accuratezza e avrebbe reso la sequenza realistica anziché inutile e patetica. Far finta che non ci sia diversità di pensiero è persino peggio che non affrontare mai gli argomenti spinosi. Detto questo i bambini di otto anni al mio seguito non sono stati minimamente scalfiti dal tema ed avevano occhi solo per i buffi animali stilizzati ed i variopinti colori del sottosuolo. 

Ripulito dal "non dibattito" sulla sessualità del giovane protagonista il film è comunque un buon divertissement, un viaggio verniano al centro della terra che, guarda caso, strizza l'occhio a quel disgraziato "Pianeta del tesoro" a cui "il mondo misterioso" viene accomunato dalle Cassandre del web. 

 

scena

Strange World - Un mondo misterioso (2022): scena

 

Va detto che le (parecchie, forse troppe) somiglianze non si limitano al solo film della casa madre. Il mondo sotterraneo in cui si infila l'astronave per salvare il "pando", la miracolosa pianta da cui Avalonia trae la sua energia, assomiglia in maniera abbastanza sfacciata al "Pandora" di Avatar, non solo per questioni di assonanze. Inoltre le idee su cui è stato costruito l'intreccio sono piuttosto datate e si possono far risalire all'ambientalismo degli anime giapponesi del primo Miyazaki e alle brillanti idee di Albert Barillé, produttore della serie televisiva "Il était une fois... la Vie". Si parla dunque di quasi 40 anni passati dalla loro comparsa. Disney ha finito le idee e sta grattando il fondo del barile? Dare una risposta a questa domanda potrebbe risolvere i problemi attuali della casa di Topolino traghettandola oltre il centesimo ed illustre compleanno.

 

Charlie Chaplin Cinemas - Arzignano (VI)

 

scena

Strange World - Un mondo misterioso (2022): scena

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati