Espandi menu
cerca
Avatar: La via dell'acqua

Regia di James Cameron vedi scheda film

Recensioni

L'autore

imperiormax89

imperiormax89

Iscritto dall'8 settembre 2021 Vai al suo profilo
  • Seguaci 3
  • Post -
  • Recensioni 24
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Avatar: La via dell'acqua

di imperiormax89
8 stelle

Un ritorno su Pandora mozzafiato come all'andata.

Premetto una cosa.
Il giorno prima ho riguardato Avatar su un semplice blu ray in versione estesa e con televisore 4K.
A parte il Thanator e i lupi vipera che mi sono sembrati un po’ plasticosi nella cgi e quindi più finti, per il resto il film sembra uscito non 12 anni fa, ma stamattina. Poi vabbè, la trama è semplice e la sceneggiatura per me ha solo un paio di forzature, ma nel complesso merita non poco.

scena

Avatar: La via dell'acqua (2022): scena

 
Mentre sabato, ovvio, AVATAR: LA VIA DELL’ACQUA.
Consiglio vivamente il 3D per le immagini molto più immersive, specialmente nello scenario subacqueo.
Il lato tecnico non si discute: effetti speciali ancora più elevati, più dettagliati e più realistici.
Fotografia splendida, una regia precisa e senza spreco di inquadrature, un montaggio scorrevole che mantiene il ritmo e con rallenty piazzati nei punti giusti. Solo nella risoluzione finale c’è un piccolo inciampo nel ritmo, ma in 3 ore e 12 ci può anche stare. James Cameron gestisce bene delle scene d’azione spettacolari, momenti di tensione ben costruiti e il sangue è ancora più presente, nulla di splatter ovvio…! Attori ben calati nella parte e con una motion capture che cattura non poco le espressioni dei nav’i.
Inoltre ho notato che almeno tre sequenze per messinscena sono identiche al primo film, ma per fortuna terminano diversamente.
Ovviamente ci saranno dei richiami a The Abyss e Titanic.

Zoë Saldana, Sam Worthington

Avatar: La via dell'acqua (2022): Zoë Saldana, Sam Worthington

 
La storia anche qui è semplice, ma meno derivativa rispetto al precedente. C’è una caratterizzazione un po’ più approfondita dei personaggi, stavolta il cattivo è più tridimensionale e ammetto che in un paio di momenti ho tifato per lui.
Vengono affrontate tematiche come la famiglia, l’antirazzismo, l’inclusività dei reietti, lo scoprire se stessi e l’accettazione tra i diversi.
Non ci sono colpi di scena particolarissimi, ma almeno è chiaro fin dall’inizio come sono le dinamiche e i personaggi e qui non si fa’ altro che farle evolvere.
 
Non è perfetto come film, dato che la reazione della gente del cielo è al solito per niente diplomatica senza rifletterci un attimo, almeno all’inizio, e il motivo di tale ritorno è sì interessante ed ecologista, ma ai fini della trama è accantonato. L’oggetto del desiderio, dopo l’unobtanio, c’era o non c’era il film andava avanti uguale.

locandina

Avatar: La via dell'acqua (2022): locandina

 
A fine visione, dato che il film è a se e praticamente auto-conclusivo, sapendo che faranno i seguiti nel giro di questo decennio, ho come il presentimento che in futuro verrà fuori una saga con tanto di fandom alla pari di Star Wars e Il Signore degli anelli. Non lo so’, la sensazione è questa qui.
Comunque, finalmente, un blockbuster fatto bene, senza storcimenti di naso continui e nelle mani di un regista coi controcazzi. Ce ne fossero di più ogni anno e non ogni decennio…!
Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati