Espandi menu
cerca
Liam

Regia di Stephen Frears vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Liam

di FilmTv Rivista
8 stelle

Il prolifico Stephen Frears dopo il successo di “Alta fedeltà” si concede un film esattamente agli antipodi. Un viaggio nella memoria ambientato a Liverpool negli anni ’30, quelli cupi e dolorosi della Grande Depressione. Tratto dal romanzo omonimo di Jimmy McGovern, il film è lo sguardo di Liam, un bel bambino di sette anni che inciampa troppo spesso con le parole. La sua balbuzie lo rende timido, ma Liam ha un’intelligenza vivissima e ispira una grande simpatia. La famiglia è cattolica di origine irlandese; il padre lavora duramente per mantenerla, ma gli effetti della Depressione si fanno sentire e l’uomo resta senza lavoro, così la sorella di Liam deve andare a servizio da una famiglia ebrea. Si avvicinano tempi difficili all’orizzonte e la crisi economica lascia libere di esplodere sopite intolleranze religiose e politiche. Prodotto dalla Bbc, “Liam” è la testimonianza della bontà del rapporto ventennale che esiste tra Frears e la televisione. Ma è anche un’occasione unica per rimestare in un ambiguo periodo di storia inglese e aprire uno squarcio sulla sua giovinezza a ricordargli gli anni passati con la madre dopo la guerra. Un piccolo film al quale sembra mancare il respiro del cinema, ma girato con una tecnica pregevole e che conta su una solida sceneggiatura. Ma il vero atout del film è Anthony Borrows, il piccolo Liam scelto felicemente tra centinaia di aspiranti.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 14 del 2001

Autore: Fabrizio Liberti

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati