Espandi menu
cerca
Tre di troppo

Regia di Fabio De Luigi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 301
  • Post 208
  • Recensioni 5940
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Tre di troppo

di alan smithee
2 stelle

locandina

Tre di troppo (2022): locandina

AL CINEMA
Bella la vita di coppia quando i figli li fanno gli amici e il peggior rischio che si può correre è quello di venir coinvolti nelle pesantissime feste di compleanno dei bambini dei propri amici.
Marco e Giulia (Fabio De Luigi e Virginia Raffaele), barbiere alla moda lui e responsabile di un grande reparto di un magazzino di moda lei, hanno trovato nella vita matrimoniale senza prole il modo più esclusivo per vivere in sintonia godendosi il bello della vita a cui i propri amici hanno stoltamente rinunciato decidendo di prolificare.
Ma una maledizione pronunciata da una loro amica e mamma esasperata dal menefreghismo e dalla strafottenza dei due coniugi, riserverà alla coppia la più incredibile sorpresa che si possa pensare come ideale legge del contrappasso per quei due coniugi goderecci per antonomasia.

Fabio De Luigi, Virginia Raffaele, Barbara Chichiarelli

Tre di troppo (2022): Fabio De Luigi, Virginia Raffaele, Barbara Chichiarelli

Diversi anni dopo il già assai fiacco Tiramisù (2016), Fabio De Luigi torna a auto-dirigersi in una commedia acchiappapubblico che gioca puerilmente, ma anche astutamente, sui luoghi comuni della famiglia, sul senso di responsabilizzazione che essa comporta quando la prole finisce per divenire il fulcro pulsante del nucleo base della società civile. 
Più che un film, Tre di troppo rivela una consistenza impalpabile degna di una soap televisiva che funziona ad intermittenza tramite sketch più o meno riusciti, ma che nulla hanno a che fare con quel minimo comun denominatore che possa far rintracciare tracce cinematografiche.

Fabio De Luigi, Virginia Raffaele

Tre di troppo (2022): Fabio De Luigi, Virginia Raffaele

La tirata finale buonista sull'affido non fa che appesantire sino all'insostenibilità una commediola inconsistente che nemmeno la verve di una ispirata Virginia Raffaele riesce a salvare, se non in qualche raro lampo in cui il contatto fisico tra una impenitente quanto convinta non-madre ed un affettuoso figlioletto molesto riesce a risultare divertente. 
Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati