Espandi menu
cerca

Trama

Fronte russo, Seconda guerra mondiale. Un gruppo di poveracci proveniente da Arasolè, un immaginario paese della Sardegna, si ritrovano per combattere in un paese sconosciuto una guerra che rende ancora più dura la loro lotta per la sopravvivenza. La fame e la miseria sofferta sull'isola sono niente al confronto della follia del fronte bianco.

Note

Il titolo in sardo significa "Quelli dalle labbra bianche", espressione gergale che indica i poveri, i dannati della terra ed è poi il titolo del romanzo di Francesco Masala al quale si ispira. Il film è un omaggio a loro, ai dimenticati. Piero Livi, una vita da regista Rai, cullava questo progetto da anni. A suo tempo ne aveva parlato con il grande Giuseppe De Santis che l'aveva incoraggiato, definendolo un seguito ideale di "Italiani brava gente". Il film è efficace nelle parti di guerra, segnate da un realismo molto crudo (sbandati e affamati, i soldati arrivano al cannibalismo) e da un senso dolente del conflitto (non c'è patriottismo di maniera, essere catturati dai russi è l'unica speranza di salvezza). Funziona meno in certe aperture oniriche, un po' di maniera e poco risolte sul piano figurativo.

Commenti (3) vedi tutti

  • Il film ha l'indubbio merito di far emergere la storia dimenticata di questo gruppo di sardi coinvolti in una guerra che sentono lontana. Ma ha un taglio troppo televisivo per non perdere di credibilità narrativa. Le vicende del fronte sono decisamente le più convincenti, così come commoventi sono le vicende esistenziali di ogni singolo soldato.

    commento di Peppe Comune
  • Dal romanzo di Francesco Masala "Quelli dalle labbra bianche", la storia tragica di un manipolo di militi sardi sul fronte russo della seconda guerra mondiale.

    leggi la recensione completa di passo8mmridotto
  • uscito in pochissime sale e subito scomparso nel nulla (ma è successo anche a pellicole molto più pubblicizzate, come "Kinsey"), è un film che vale la pena di vedere. La storia è tratta dal libro di Francesco Masala.

    commento di bocchan
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

passo8mmridotto di passo8mmridotto
8 stelle

Quelli dalle labbra bianche - in sardo Sos laribiancos - sono i poveri, i diseredati, gli affamati. Piero Livi racconta la storia di nove sardi caduti sul fronte russo durante la seconda guerra mondiale, nel caposaldo tre della linea K. Nove sardi di Arasolé, villaggio immaginario simile a tanti altri villaggi sparsi per il mondo, dove la miseria è sempre uguale e tutto l'anno… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Il titolo in sardo, “Sos laribiancos”, significa “Quelli dalle labbra bianche”, espressione gergale che indica i poveri, i dannati della terra ed è poi il titolo del romanzo di Francesco Masala al quale si ispira. Il film è un omaggio a loro, ai dimenticati. Piero Livi, una vita da regista Rai, cullava questo progetto da anni. A suo tempo ne aveva parlato con il grande Giuseppe De… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2021
2021

Recensione

passo8mmridotto di passo8mmridotto
8 stelle

Quelli dalle labbra bianche - in sardo Sos laribiancos - sono i poveri, i diseredati, gli affamati. Piero Livi racconta la storia di nove sardi caduti sul fronte russo durante la seconda guerra mondiale, nel caposaldo tre della linea K. Nove sardi di Arasolé, villaggio immaginario simile a tanti altri villaggi sparsi per il mondo, dove la miseria è sempre uguale e tutto l'anno…

leggi tutto
2020
2020
2017
2017
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2003
2003

Dimenticati

DrFloyd di DrFloyd

Costoro giacciono nell'oblio. Nessuno li playlista, nessuno li opiniona. Come mai, ci si chiederà? Ebbene, non lo so, ma bisogna dar loro voce, non farli sentire esclusi. Contribuiamo ad innalzare il loro numero di…

leggi tutto
Playlist
2002
2002

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Il titolo in sardo, “Sos laribiancos”, significa “Quelli dalle labbra bianche”, espressione gergale che indica i poveri, i dannati della terra ed è poi il titolo del romanzo di Francesco Masala al quale si ispira. Il film è un omaggio a loro, ai dimenticati. Piero Livi, una vita da regista Rai, cullava questo progetto da anni. A suo tempo ne aveva parlato con il grande Giuseppe De…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito