Espandi menu
cerca
Tori e Lokita

Regia di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 300
  • Post 207
  • Recensioni 5905
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Tori e Lokita

di alan smithee
7 stelle

Joely Mbundu, Pablo Schils

Tori and Lokita (2022): Joely Mbundu, Pablo Schils

FESTIVAL DI CANNES 75 - CONCORSO

"Alla fiera dell'Est, per due soldi, un topolino mio padre comprò…"

Nel Belgio dei nostri giorni, teatro di una tentata ma non sempre riuscita integrazione tra popoli fuggiaschi e residenti, i Dardenne ci catapultano senza troppi fronzoli all'interno di un interrogatorio incalzante, in cui una commissione di esperti mira ad accertare che il piccolo Tori sia per davvero il fratello di sangue della più grande Lokita.

Una adolescente, quest'ultima, che, a differenza del fratello, non possiede più i requisiti per poter proseguire a vivere e lavorare in quel paese europeo in cui è immigrata clandestinamente.

Che siano effettivamente fratelli di sangue, o solo di affetto, poco importa e certo non scalfisce il rapporto di sincero e reciproco aiuto che i due, legati da una intesa simbiotica che fa propendere per la consanguineità, si danno vicendevolmente, coscienti di essere pedine di un sistema più grande di loro che li considera più che altro come pedine sacrificabili di una società senza più sentimenti, tutta protesa al raggiro e al facile guadagno.

Pablo Schils, Joely Mbundu

Tori and Lokita (2022): Pablo Schils, Joely Mbundu

Il cinema di Jean-Pierre e Luc Dardenne è un po' sempre stilisticamente lo stesso. E le storie di cui i due si propongono cantori, sono sempre pervase da vittime sacrificali al centro di complotti perpetrati a suon di ingiustizie e prevaricazioni.

Ma questo non impedisce, ogni volta, di restar catturati dalla pressione che la morsa di una società senza cuore né umanità esercita sulle vittime designate.

La forza dei due registi e fratelli belgi è quella di riuscire a filmare situazioni di ricatto morale e materiale ai danni di chi è preso nelle maglie di una posizione scomoda e piena di interrogativi, senza mai scadere nella retorica, riuscendo anzi a rendere lo spettatore alla stregua di un testimone privilegiato delle sperequazioni ed ingiustizie che i cittadini di serie A pongono in essere, facendo fare il lavoro sporco ai ricattati, e lucrandone compensi spropositati, oltre che illeciti e non commisurati al rischio occorso.

Pablo Schils, Joely Mbundu

Tori and Lokita (2022): Pablo Schils, Joely Mbundu

Pablo Schils

Tori and Lokita (2022): Pablo Schils

I Dardenne poi, quasi sempre, trovano in attori presi dalla strada, o comunque tutt'altro che professionisti, la chiave del vero successo, in termini prettamente artistici, delle loro opere.

E la prestazione dei due giovani attori che danno vita a Tori e a Lokita (rispettivamente il piccolo Pablo Schils e la adolescente Joely Mbundu), risultano perfetti ognuno per sfaccettare caratteri e sentimenti di due figure sfortunate, ma non per questo arrese ad una maglia sociale che cerca di sfruttarli e di gettarli via come rifiuti.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati