Espandi menu
cerca
Kazaam - Un gigante rap

Regia di Paul Michael Glaser vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Stefano L

Stefano L

Iscritto dal 23 settembre 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 56
  • Post -
  • Recensioni 437
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Kazaam - Un gigante rap

di Stefano L
3 stelle

Risultati immagini per kazaam film

 

Non è una novità che delle star del mondo sportivo vengano sfruttate per avere facili guadagni in operazioni commerciali impensabili (e impresentabili). Shaquille O'Neal era al massimo della sua popolarità nel periodo in cui giocava negli Orlando Magic e l’approccio al cinema in un fantasy costruito a tavolino per i ragazzini poteva anche essere prevedibile. Purtroppo questo “libero adattamento” della favola di Aladdin è proprio orripilante su tutti i fronti; per quanto O'Neal nei panni del genio Kazaam appaia almeno simpatico (nonostante nella recitazione convinca come Mike Tyson truccato da donna), il piccolo protagonista “Max” (Francis Capra) diventa insopportabile dai primi istanti; un fanciullo “ribelle” che vive un rapporto difficile con la madre (il babbo ha abbandonato la famiglia quando aveva due anni... e vabbè). Soggetto alle angherie di alcuni bulli di scuola (dipinti quali criminali di strada, e non credibili nemmeno per un millesimo di secondo), attiva accidentalmente uno stereo (!) che riporta in vita la summenzionata entità soprannaturale. Max in principio pensa che Kazaam sia un impostore, finché non lo osserva effettivamente “in azione” (non aveva già notato il modo anomalo con cui aveva steso i suoi aguzzini? Mah…), chiedendo in desiderio una pioggia di happy meal (!!). Intanto incontra casualmente il padre (il quale si rivelerà ancora più odioso di lui), proprietario di un club ove Kazaam scoprirà il suo talento rap (in realtà mette solo in rima delle frasi a casaccio). Dovranno però fronteggiare un crudele gangster mediorientale che vuole sfruttare il successo (e i poteri) di Kazaam, e la banda di mini delinquenti intenti a rubare il tape con le registrazioni di questo imponente vocalist (per farne cosa poi…). Si susseguono parentesi hip hop terribili, effetti in cgi inutili e un mucchio di frammenti bercianti dove O'Neal grida “I’m Kazaam!!!” o rutta davanti ai presenti, mentre il dodicenne Max lo tratta con una condotta aberrante (a volte lo colpisce pure… sul serio, chiunque fosse stato nelle vesti clownesche di Shaquille avrebbe mollato il set in tronco). Distogliere lo sguardo da cotanta robaccia a causa dello sconcerto costante è lapalissiano. Gli arrangiamenti sonori di Christopher Tyng sono comunque dignitosi, seppur praticamente sprecati.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati