Espandi menu
cerca
The Night

Regia di Tsai Ming-liang vedi scheda film

Recensioni

L'autore

yume

yume

Iscritto dal 19 settembre 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 103
  • Post 143
  • Recensioni 534
  • Playlist 47
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su The Night

di yume
8 stelle

Tsai Ming-liang, qualche auto che sfreccia, passanti frettolosi, odore di anatra arrosto si sparge per strada.

scena

The Night (2021): scena

Vertov, Ruttmann, Vigo, nomi che pensi mentre guardi The night di Tsai Ming-liang

Inquadrature ampie, camera fissa a lungo, la città e il suo mood serale, pochi passanti, semafori che lampeggiano, fast food e qualcuno che mangia veloce, saracinesche abbassate: sinfonia per luci, motori, voci umane  e rumori ambientali.

Ma il corto di Tsai Ming-liang non è una sinfonia, è un pezzo cameristico, un assolo di violoncello, un’assorta meditazione.

E’ quando si fa sera, la vita si ferma e il tempo diventa altro.

Diventa silenzio, buio nel cielo e luci led in terra, taxi che non si fermano, un pasto frettoloso nel locale ancora aperto, una riga di gente sull’altro marciapiede, forse l’uscita dall’ultimo spettacolo.

scena

The Night (2021): scena

 E’ un cavalcavia chiuso ai lati da vetri appannati, foto incollate e strappate, qualche luce intermittente di auto che passa sotto.

Girato nel 2019, il corto (19 minuti) registra il battito cardiaco della città.

Hong Kong , dalle parti di Causeway Bay, è simile a centinaia, forse migliaia di altre metropoli.

Semplici racconti di vita quotidiana: due anziane signore che cercano di fermare un taxi; la porta aperta di un ristorante e una donna che mangia; qualcuno che attraversa la strada, fatti banali, ma è vita che dà senso allo spazio, fino a quando l’incedere della notte pone termine anche a questo.

Tsai Ming-liang

The Night (2021): Tsai Ming-liang

 Il tempo riprenderà la sua corsa naturale, priva di accelerazioni e rallentamenti, la scena si svuoterà, gli ultimi attori perderanno consistenza fino a sparire.

Infine nel vuoto apparente arriva improvvisa una voce.

E’ una canzone: The Night is Too Beautiful to Last, una semplice canzone d’amore di Pei Ni.

"La bella notte sta scivolando via. Perché non possiamo fermare le lancette del tempo? Odio il canto del gallo".

Conceptual art? Installazione artistica? Di tutto un po’, forse una meditazione sull’ossimoro in corso, Hong Kong frenetica, irrequieta, caotica e la sua notte silenziosa.

La seconda new wave taiwanese vive nel percorso minimalista e poetico di Tsai Ming-liang.

Dopo Days, a Berlino nel 2020,  The night è il complemento naturale,

L’esistenza di uomini e cose fluisce nel silenzio e nell’incomunicabilità, l’insensato chiacchiericcio quotidiano a cui si affida la certezza di essere vivi alla luce del giorno, sparisce.

Di notte tutto sembra più accettabile, correre frettolosi a casa, tacere stanchi, accettare il silenzio.

 

E lui cosa dice?

Il titolo del film, The Night, è ispirato a una vecchia canzone cinese degli anni '40 [“Liang ye bu neng liu”]. Alla fine del 2019 sono stato invitato a condividere ed eseguire alcune vecchie canzoni a Hong Kong. Fu un periodo tumultuoso lì. Cresciuto nel sud-est asiatico, sono stato nutrito da Hong Kong, per non dire altro, e quindi ho sempre tenuto Hong Kong nel mio cuore. Assistendo ai cambiamenti inaspettati nella Perla d'Oriente, non ho potuto fare a meno di provare un'emozione emotiva. Una notte, ho iniziato a girare le strade di Causeway Bay dopo che la frenesia si era placata, e così è arrivato questo cortometraggio”.

 

Boston, primi Novecento, Eliot, la pioggia che scroscia , i fanali che si accendono, un cavallo da vettura che fuma e scalpita.

La sera d'inverno si posa

con odore di bistecche nelle strade.

Hong Kong, un secolo dopo, Tsai Ming-liang, qualche auto che sfreccia, passanti frettolosi, odore di anatra arrosto si sparge per strada.

 

 

 www.paoladigiuseppe.it

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati