Espandi menu
cerca
The Hanging Sun - Sole di mezzanotte

Regia di Francesco Carrozzini vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 297
  • Post 207
  • Recensioni 5858
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Hanging Sun - Sole di mezzanotte

di alan smithee
2 stelle

locandina

The Hanging Sun - Sole di mezzanotte (2022): locandina

VENEZIA 79 - FUORI CONCORSO/ FILM DI CHIUSURA

La 79 Mostra del cinema di Venezia chiude i battenti dopo 12 intensi giorni di cinema con The Hanging Sun, un film ambizioso che nasce come coproduzione italo-inglese e vede coinvolto nella sua prima regia di un film di fiction, il fotografo delle star ed autore di numerosi videoclip musicali Francesco Carrozzini.

Il film è tratto da un romanzo del famoso giallista norvegese Jo Nesbo le cui opere sono già state in diverse occasioni trasposte al cinema, come avvenne ad esempio nel 2017 con L’uomo di neve, con protagonista Michael Fassbender.

Un uomo in fuga dal passato e una donna che reagisce ad un presente di violenza

John è figlio di un boss della malavita che opera in un luogo nordico non precisato. E’ in fuga dopo che ha disobbedito ad un ordine paterno e si è rifiutato di eseguire una esecuzione.

Il fratello minore è sulle sue tracce, ma John trova rifugio presso una comunità nordica devota ad un dio severo ed intransigente che vincola gli abitanti a limitare rapporti con gli stranieri.

Alessandro Borghi

The Hanging Sun - Sole di mezzanotte (2022): Alessandro Borghi

La donna che lo accoglie (Jessica Brown Findlay), su insistenza del giovane figlioletto balbuziente, risulta essere proprio la figlia del sacerdote del villaggio, nonché persona di spicco dell’intera comunità.

La donna, a sua volta, è rimasta sola da quando il marito non ha più dato tracce di sé, apparentemente a seguito di una spedizione in mare. Ma molti tra i paesani sospettano che la sparizione dell’uomo sia opera della donna, e non si curano dei comportamenti del fratello gemello dello scomparso.

I due fuggiaschi, inevitabilmente attratti uno dall’altro e coinvolti ognuno a far perdere la tracce di Sé, finiranno per condividere un percorso che potrà dar vita ad un nuovo futuro insieme, che coinvolga anche il figlio della donna, da sempre predisposto a trovare in John quella figura idealizzata di padre amico ed alleato su cui, fino a poco prima, non ha mai potuto contare.

The hanging sun – la trama

L’esordio nel lungometraggio di finzione di Carrozzini nasce con molte lodevoli ambizioni.

Prima tra le quali la coproduzione internazionale che vede coinvolto un cast in cui primeggiano nomi di richiamo internazionale (Peter Mullan, la faccia più appropriata per delineare i tratti di una persona feroce e vendicativa come il personaggio del padre del protagonista, e il bravo Charles Dance), ad uno degli attori italiani più apprezzati ed amati dal pubblico, coinvolto in un percorso di carriera di primo livello: Alessandro Borghi.

Peter Mullan

The Hanging Sun - Sole di mezzanotte (2022): Peter Mullan

Quest’ultimo, peraltro, conferma la propria padronanza a gestire un ruolo completamente in lingua inglese, risultando a tutti gli effetti una scelta non scontata, ma azzeccata.

Quello che purtroppo non funziona per nulla nel film è la sceneggiatura, che, al di là del confronto con il romanzo (che non è possibile poter fare in questa sede, non avendo affrontato l'opera scritta da cui ha tratto spunto la sceneggiatura) presenta diversi momenti di stasi e collegamenti piuttosto approssimativi o poco plausibili, oltre che ingenuità sulla rappresentazione temporale dei protagonisti (Peter Mullan rimane completamente inalterato d’aspetto in un arco temporale di almeno un ventennio).

Inoltre il ricorso a simbolismi imbarazzanti e rischiosi (la visione del lupo con il cucciolo) si rivelano trappole insidiose, per un film che si circonda di scenografie amene e suggestive coerenti con il paesaggio maestoso che fa da sfondo alla vicenda, in quel particolare periodo dell'anno in cui la luce non smette mai di calare.

Ma le due storie di fuga da imposizioni e vincoli parentali scomode, stridono e non convincono mai, supportate da dialoghi spesso sopra le righe e da un cast che, nonostante le invitanti premesse, pare non credere molto al rocambolesco ed azzardato gioco di staffetta che i fatti reali impongono rispetto alla fervida immaginazione della coppia in fuga.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati