Espandi menu
cerca
Karmalink

Regia di Jake Wachtel vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 287
  • Post 194
  • Recensioni 5425
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Karmalink

di alan smithee
5 stelle

locandina

Karmalink (2021): locandina

FESTIVAL DI VENEZIA 78 -SETTIMANA DELLA CRITICA

Un ragazzino che vive nel quartiere povero della capitale cambogiana Phnom Penh, viene destato nei suoi sonni turbolenti da una sorta di sogno ad occhi aperti in cui il ragazzino rivive le gesta dei personaggi che lo hanno preceduto e di cui lui probabilmente rappresenta la attuale reincarnazione, riuscendo in qualche modo a mettersi sulle tracce degli avi, e a ricostruirne le gesta.

Ma al di là del tesoro rappresentato da una statuetta buddista d'oro celata in un campo dopo essere stata trafugata da un tempio di copie in terracotta, l'esperienza del piccolo, coadiuvato dalla presenta costante di una tenace ragazzina nullatenente, l'esperienza del bimbo si potrebbe trasformare in qualcosa di più complesso in grado di legare presente e futuro ad un passato che non accetta di restarsene inerte.

Da un giovane regista americano trasferitosi in Cambogia per insegnare cinema ai ragazzi di quartiere, Jake Wachtel, Karmalink è un po' il frutto della maturazione di un'esperienza vissuta sul campo, nei quartieri più poveri e vitali che si rispecchia con la perenne contrapposizione che si vive da decenni ormai tra la povertà dei molti e la modernità dell'esperienza scientifica che parte proprio da questi paesi particolarmente ricettivi.

Leng Heng Prak

Karmalink (2021): Leng Heng Prak

Srey Leak Chhith

Karmalink (2021): Srey Leak Chhith

Leng Heng Prak

Karmalink (2021): Leng Heng Prak

Ne scaturisce un film di ragazzi e una sorta di avventura fantascientifica (il film è annunciato come il primo film di fantascienza cambogiano) che ricorda un po' le atmosfere di un caposaldo come I Goonies, catapultato in un contesto da futuro distopico che cerca di creare un ponte tra il misticismo (tipicamente buddista) del passato e il progresso di un futuro che ormai si trasferisce sempre più prepotentemente in un presente iniquo ma forse proprio per questo coerente con l'esigenza di portarsi avanti senza cancellare la traccia preziosa del passato.

Un film "di" ragazzi, più che "per" ragazzi, che risulta più interessante che realmente riuscito e coinvolgente, forse anche a causa di un accostamento un po' troppo ardito tra tematiche alte ed avventure più spavalde, costrette a confrontarsi con un passato di misteri e di meditazioni che sfugge facilmente alla percezione di una mente occidentale, poco avvezza a coniugare fiction e fantascienza ai simbolismi di una religione meditativa e contemplativa come si presenta il buddismo dinanzi agli occhi spesso un po' superficiali di uno spettatore medio di longitudini decisamente più occidentali.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati