Espandi menu
cerca
Gli idoli delle donne

Regia di Claudio Gregori, Pasquale Petrolo, Eros Puglielli vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Lina

Lina

Iscritto dal 28 ottobre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 115
  • Post 8
  • Recensioni 1102
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Gli idoli delle donne

di Lina
8 stelle

Commedia spassosa e autoironica, che per una volta, propone il trionfo dei "non belli", divenendo quasi uno spot sulla galanteria maschile contro la bellezza priva di cervello e personalità. Mitici Lillo & Greg dietro la cinepresa.

Ho la sensazione che se questo film fosse stato realizzato dagli americani avrebbe ottenuto successo giusto perché, in questo paese, abbonda l'esterofilia. Piace la comicità demenziale statunitense e si guarda generalmente con disprezzo o sufficienza la comicità italiana.

 

Io, invece, non nutro pregiudizi. Se una commedia nostrana o straniera che sia mi piace e diverte, non ho problemi ad ammetterlo.

Trovo fantastici Lillo & Greg al di là di quanto possano ripetersi (del resto, anche il mitico duo di Franco e Ciccio era ripetitivo, come altri comici, ma ciò non significa che i loro film non siano gradevoli o che non abbiano segnato la storia del cinema italiano).

 

La trama, in questo caso, io l'ho trovata originale. Per una volta, viene illustrato con sana autoironia, il trionfo dei brutti anziché del solito bello senza cervello.

Le sequenze iniziali di questo gigolò che fa colpo su tutte - donne, vecchie e perfino bambine - sono da antologia. Davvero simpatiche per quanto un pochino surreali.

 

Ho apprezzato molto anche il ritratto psicologico molto veritiero che quest'opera traccia sulla nostra società attuale fissata con l'estetica e pronta a giudicare chiunque in base all'aspetto esteriore.

 

Non mi aspettavo che la trama prendesse tutta un'altra piega quando il protagonista, Filippo, ha un incidente con la macchina. E' stata una sorpresa capire per gradi dove volesse andare a parare.

 

Certe inquadrature sono di grande effetto, come quella che mostra il nuovo Filippo cortisonizzato e imbolsito. Ogni volta che riguardo quella scena, rido.

 

I personaggi sono tutti ben studiati e irresistibili, anche quelli secondari. Ho adorato Geraldine e Max con le loro battute.

 

Filippo capisce di dover sviluppare altre doti da quando non è più bello e per ottenere aiuto, si rivolge nientepopodimenoché al guru della seduzione psicologica, gigolò veterano ritiratosi ormai dal giro.

Il training però fallisce. Filippo apprende poco e niente perché non ha alcuna reale vocazione poetica o profondità di pensiero.

Proprio quando tutto sembra finito per lui e la sua carriera di amante, arriva Juanita, una donna che gli cambia la vita. Una addirittura vergine, dotata di forte personalità, capace di guardare oltre l'esteriorità di un uomo, ma che ahimé, è figlia di un mafioso narcotrafficante colombiano...

 

La parentesi rosa è trattata in modo divertente nel film, senza romanticismo, altrimenti non sarebbe stata in linea con tutto il resto.

A parte qualche piccolo calo di ritmo qua e là (le sequenze con il padre di Juanita le ho trovate pesantucce perché lui è un po' troppo sopra le righe come personaggio e dopo la scena iniziale - l'unica simpatica - in cui fa il terzo grado al fidanzato della figlia, comincia a ripetersi diventando monotono), la sceneggiatura è ben fatta, ricca di momenti esilaranti e di dialoghi perfetti.

Mitica la scena in cui il guru sfoggia il "soul gazing" per conquistare la moglie del mafioso.

Di buon livello la recitazione e pregevoli Lillo e Greg in qualità di registi stavolta, oltre che di attori.

 

Una commedia che personalmente ho apprezzato molto e che mi ha lasciata con il sorriso.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati