Espandi menu
cerca
Le otto montagne

Regia di Felix Van Groeningen, Charlotte Vandermeersch vedi scheda film

Commenti brevi
  • Tratto dal romanzo omonimo di Paolo Cognetti, "Le otto montagne" riesce nell'intento affatto scontato di trasmetterne la pura essenza poetica. Per un film che tratta della bella amicizia e della montagna come unico luogo che rende possibile l'ascolto del silenzio. La regia non esagera mai, lasciando che a farlo sia l'eternità dei luoghi. Lirico.

    commento di Peppe Comune
  • Magica storia di una vera amicizia calata dentro uno scenario strepitoso per bellezza e durezza!!! Veramente bello.

    commento di mike53
  • Riuscito e fedele adattamento del romanzo omonimo Premio Strega di Paolo Cognetti. E’ una dolente riflessione su quanto i luoghi in cui si cresce influenzino la nostra vita. Il formato 4:3 racchiude le cime della Valle d’Aosta e la bella storia di un’amicizia profonda (la coppia Marinelli-Borghi). Eleganza ed emozioni.

    commento di Antonio_Montefalcone
  • Film nel complesso riuscito, un po' lento nei primi 40' e un po' tronco nel finale. Timi, Borghi e Marinelli azzeccatissimi. Vuole emozionare, e ci riesce

    commento di Gibbon92
  • Co-produzione dal piglio convenzionale e mainstream che, però, sa emozionare grazie alla capacità dei due registi di raccontare le tappe di un rapporto inscalfibile, discontinuo nel tempo e legato a uno spazio fisico limitato eppure capace di resistere alla lontananza tra i protagonisti e alla loro necessità di trovare il proprio posto nel mondo. 7

    commento di rickdeckard
  • Dal bestseller di Paolo Cognetti, arriva al Festival di Cannes in Concorso, la trasposizione de Le otto montagne: un film riuscito soprattutto nella sua convincente prima parte preparatoria, che conduce poi ad un finale zoppicante ed episodico che procede a sbalzi e in modo didascalico.

    leggi la recensione completa di alan smithee