Espandi menu
cerca
Marx può aspettare

Regia di Marco Bellocchio vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 285
  • Post 189
  • Recensioni 5200
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Marx può aspettare

di alan smithee
8 stelle

locandina

Marx può aspettare (2021): locandina

FESTIVAL DI CANNES - FUORI CONCORSO

La morte improvvisa, drammatica, scioccante - causa suicidio - del fratello gemello di Marco Bellocchio, ovvero il bel Camillo, avvenuta a ventinove anni per strangolamento, è evidentemente e comprensibilmente un cruccio di cui il regista, i suoi fratelli e gli altri membri della sua numerosa famiglia piacentina, che già sono apparsi in alcuni suoi film più intimi e personali (penso a Sorelle e Sorelle mai, in particolare), non riescono a capacitarsi dopo oltre cinquant'anni dal luttuoso e doloroso evento.

Un sentimento di tristezza, di immutata incredulità e di ancor vivo senso di colpa che, pur affrontato con la lucidità che accompagna la pacatezza e la razionalità che da sempre caratterizza e descrive il grande regista, e che fa parte anche dello stile di vita della sua numerosa famiglia borghese, si trasforma in una ricerca che il cineasta di Bobbio improvvisa, con garbo e delicatezza, nel corso di un raduno natalizio che ha consentito a tutta la numerosa famiglia di ritrovarsi unita, ancora coesa, e proprio per questo ancora dolorosamente afflitta da quel gesto estremo.

Marco Bellocchio

Marx può aspettare (2021): Marco Bellocchio

Marco Bellocchio

Marx può aspettare (2021): Marco Bellocchio

Il film documentario ripercorre l'infanzia dei gemelli nati poco prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, l'infanzia da sfollati, il ritorno a Piacenza in una grande casa di famiglia ove i due fratellini vengono separati e Camillo posto a condividere la stanza col fratello più grande, un po' balordo ed urlatore.

I ricordi di famiglia si alternano a celebri pellicole del regista, divenuto famoso tre anni prima di quel tragico 1968 col film I pugni in tasca.

Ne esce fuori un piccolo, prezioso documentario sul rimorso, sul tentativo tardivo e di fatto piuttosto inutile, ma rassicurante, di comprendere le ragioni di un gesto disperato, analizzando a posteriori i dettagli di una angoscia allora troppo superficialmente sottovalutata, se non completamente travisata, che ha poi indotto la vittima all'estremo gesto.

scena

Marx può aspettare (2021): scena

Marco Bellocchio

Marx può aspettare (2021): Marco Bellocchio

Il gemello famoso, quello realizzato ancor più degli altri non meno posizionati e numerosi fratelli Bellocchio, che sintetizza con dignità il suo senso di colpa, ostentando dignità e pacatezza, senza fuorvianti struggimenti peraltro così fuori luogo rispetto al proprio carattere di uomo pacato e riservato, che tuttavia manifesta l'esigenza di non sottrarsi, lui per primo, fratello tra i fratelli in quanto gemello, ad una responsabilità morale che resta certamente viva, imminente, bruciante all'interno di una propria coscienza di uomo civile, fratello e genitore. Un film toccante, vibrante, genuino.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati