Espandi menu
cerca

Trama

Cassandre, 26 anni, lavora come hostess per una compagnia aerea low cost. Vivendo alla giornata, prende parte a voli e feste senza preoccuparsi del domani, fedele a quello che è il nickname scelto per il suo profilo su Tinder: Carpe diem. La sua è un'esistenza senza legami che in apparenza la soddisfa. Tuttavia, ogni cosa è destinata a cambiare quando una disavventura la costringe a riconnettersi con il suo mondo e a tornare a casa. Riuscirà ad affrontare i dolori sepolti e a confrontarsi con ciò da cui sta scappando?

Curiosità

LA PAROLA AI REGISTI

E.M.: "Zero Fucks Given nasce da un'immagine. Da una doppia immagine, per essere più preciso. Un giorno mi sono ritrovato seduto in prima fila su un volo Ryanair, direttamente davanti alla hostess. Al decollo, l'ho guardata: si vedeva che non stava molto bene, come se fosse alle prese con una ferita profonda. Era una visione molto forte. Dopo il segnale acustico, si è slacciata la cintura e, ecco la seconda immagine, ha sfoggiato un enorme sorriso, tirando fuori il carrello delle bevande e vendendo ciò che era disponibile a bordo. La dicotomia tra le due immagini, il momento di introspezione personale e l'agitazione professionale, era forte e mi ha spinto a una domanda: cosa si è lasciata alle spalle, a terra, questa giovane donna prima di prendere il volo? Più tardi, ho ripensato a quella scena e a un dipinto di Hopper, L'Ouvreuse, concentrandomi sulla doppia immagine. Il film è nato da lì e non da un attore in mente, tanto che in fase di casting non pensavo a nessun nome in particolare da reclutare e riflettevo sulla possibilità di scegliere una vera assistente di volo per il ruolo di Cassandre. Quando però il nome di Adèle Exarchopoulos è venuto fuori da un angolo della mia testa, ho voluto incontrarla e sin da subito ho capito che c'era qualcosa in lei che era perfetto: innanzitutto, è lontana anni luce dall'immagine della ragazza che vedi sulle riviste; e poi la sua malinconia, il tipo di angoscia che emana, la sua capacità di passare da uno stato all'altro in maniera repentina e molto altro ancora. Cassandre a quel punto era lei. E lei è l'unica professionista del film, anche se per scherzo sul set le dicevo che l'unica non professionista era lei.

Non volevamo fare il nostro "compitino" con una protagonista schiacciata dalle determinazioni del sistema e con ogni libertà personale privata. Ci interessava semmai mettere in evidenza le condizioni di lavoro proprie del low cost".

J.L.: "L'immagine da cui è nato il film dice tutto su come il privato sia in conflitto con il pubblico. Dietro l'uniforme e i comportamenti standard, si celano la singolarità di ognuno, pronta a esplodere in maniera più forte e inquietante. È qualcosa che ci travolge: come se un granello di sabbia umano scivolasse nell'ingranaggio della grande macchina standardizzata. Mentre oggi c'è questa tendenza a smaterializzare il lavoro, le hostess fanno ancora una professione fisica, presente, quasi carnale. E poi c'è un parallelismo tra le hostess e le attrici: anche per le attrici ci si chiede a volte cosa pensino mentre recitano. L'obbligo di sorridere, di portare una maschera e truccarsi non sono poi così differenti.

Abbiamo passato molto tempo a incontrare le persone che lavorano nelle aziende low cost. Nonostante le condizioni di lavoro e paga miserabili, si tratta di un lavoro che fa sempre sognare e le richieste abbondano. Abbiamo così appreso molto sulle condizioni di vita delle hostess: vengono da tutta Europa, soprattutto dai Paesi dell'Est, e vivono in piccole comunità apolidi, in appartamenti condivisi vicino agli aeroporti. Sono scollegate dalla realtà: scoprono settimana dopo settimana attraverso il programma che viene loro dato dove andranno. Ci interessava approfondire come vive un personaggio che si perde in un tempo tra diversi non luoghi. Quella di un'hostess è una vita a episodi, a compartimenti stagni: chiudendo la porta dell'aereo, si isola da tutto, come se con un colpo di spugna cancellasse la sua vita a terra".

E.M.: "Tuttavia, non volevamo cadere nel cliché della denuncia della vita moderna come non vita. Dicono spesso che la tecnologia digitale e i social ci tagliano fuori dalla vita reale. Non è sempre così: tramite le app di incontri, ci sono scintille di vite. Cassandre grazie a queste incontra gli uomini e con ognuno potrebbe accadere qualcosa. I non sviluppi dipendono solo dal suo modo di vivere. Del resto, durante la preparazione, è emerso come in molte scelgano il lavoro di hostess per sfuggire a qualcosa, a un dramma, a una delusione d'amore... Questo è un film sulla solitudine e su ciò che abbiamo trovato a Dubai in tempi di Covid, con i quadratini disegnati per terra per isolare le persone. Figuriamoci poi cosa sta succedendo nel mondo del lavoro, dove si cerca di atomizzare i lavoratori, di annullare la solidarietà e infrangere i legami. Cassandre incontra solo una moltitudine di individui ma nessuna connessione reale è possibile".

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

barabbovich di barabbovich
3 stelle

"Non me ne frega un cazzo" (Rien a foutre, titolo originale del film, diventato - per imperscrutabili ragioni - Generazione Low Cost) è l'espressione perennemente stampata sul viso di Cassandre (la Adèle Exarchopoulos di Vita di Adele), hostess per una compagnia low cost. La sua esistenza si consuma tra un lavoro a regime quasi schiavistico (vi eravate domandati come fosse… leggi tutto

1 recensioni negative

2022
2022

Recensione

barabbovich di barabbovich
3 stelle

"Non me ne frega un cazzo" (Rien a foutre, titolo originale del film, diventato - per imperscrutabili ragioni - Generazione Low Cost) è l'espressione perennemente stampata sul viso di Cassandre (la Adèle Exarchopoulos di Vita di Adele), hostess per una compagnia low cost. La sua esistenza si consuma tra un lavoro a regime quasi schiavistico (vi eravate domandati come fosse…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Uscito nelle sale italiane il 9 maggio 2022
locandina
Foto
locandina
Foto
2021
2021
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito