Espandi menu
cerca
Man on the Moon

Regia di Milos Forman vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ArwenLynch74

ArwenLynch74

Iscritto dal 29 maggio 2019 Vai al suo profilo
  • Seguaci 9
  • Post 2
  • Recensioni 75
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Man on the Moon

di ArwenLynch74
8 stelle

Credo che Jim Carrey sia il più grande attore degli anni '90, forse alcuni storceranno il naso, ma il mio è solo il parere di una fan, che lo segue sin da quando ha raggiunto il successo con Ace Ventura.

Certo Man on the Moon è di gran lunga migliore se paragonato al film con il quale ha sbancato il botteghino, a confronto è quasi un capolavoro.

Un capolavoro che parla di un personaggio difficile, Andy Kaufmann comico non comico, si definiva uno showman, la cui sitcom con la quale ha raggiunto il successo gli stava decisamente stretta, inventore di una serie di personaggi e gag sopra le righe che lo hanno fatto entrare nella leggenda, e coincidenza, Andy Kaufmann è nato lo stesso giorno e mese di Jim Carrey, ma in anni diversi.

Non mi stupisce che lo stesso Carrey si sia letteralmente trasformato in Andy, lui, che ha preso ispirazione da questo curioso personaggio che per molti era inspiegabile.

Inscenava gag in cui litigava con personaggi famosi, tutto era costruito ovviamente, leggeva integralmente il grande gatsby, organizzava un incontro con i bambini in cui offriva latte  e biscotti, suonava i tamburi grandi e una vecchina sveniva facendosi credere morta per poi risvegliarsi e tornare alla vita.

Il suo alter ego cattivo era ovviamente Tony Clifton, che era tutto il contrario di Andy, cantante stonato dal brutto carattere, il suo complice nelle monellerie di Clifton era Bob Zmuda, casualmente al fianco di Carrey per diversi film.

La gente si divertiva, il pubblico pagava e a Andy non bastava più, così sfida le donne a batterlo a Wrestling fino a che un vero campione non lo sfida davvero.

Tutto organizzato per divertire il pubblico, e con un personaggio così singolare, soltanto un grande attore poteva impersonarlo in maniera sincera.

La regia di Forman è attenta e precisa, e segue letteralmente Carrey assecondandolo con una completa fiducia.

La cosa che mi è piaciuta di più è stato conoscere questo comico, praticamente sconosciuto in Italia, Carrey davvero non c'era, al suo posto per due ore esatte c'è stato Andy Kaufmann e ha fatto di questo film un piccolo gioiello da collezionare.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati