Espandi menu
cerca

Trama

Durante una notte piovosa d'estate, nella sala d'aspetto di una stazione ferroviaria in Sicilia, ci sono due persone. Uno è "l'uomo dal fiore in bocca", che fronteggia e minaccia una misteriosa donna che lo aspetta fuori dalla stazione. L'altro è "il pacifico avventore", che invece ha perso il treno per colpa dei pacchetti regalo che ha fatto alle donne della sua famiglia. È così che incontra l'uomo dal fiore in bocca, che arriva in suo soccorso e che subito instaura con lui un rapporto di grande fiducia e complicità. I due si raccontano la loro vita, ma mentre il pacifico avventore parla delle sue frustrazioni a casa, l'altro sembra voler indirizzare tutto verso un unico argomento: la morte.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

"Questo film è tratto dalla novella di Pirandello “caffè notturno” che lo scrittore, poi, trasformò in un atto unico per il grande attore Ruggiero Ruggeri senza apportare nessuna modifica al proprio racconto. Tale e quale. Durata: sette minuti. Io, interpolando l’uomo dal fiore in bocca con altri brani di novelle di Pirandello, alcuni anni fa, ne feci uno spettacolo di teatro “vero e proprio”. Della durata di circa un’ora e mezza. Infine la produttrice Manuela Cacciamani mi chiese di farne un film di un’ora circa. Esitai. Manuela mi convinse. E la ringrazio. Ecco qua il film ambientato, non in un caffè notturno, ma in una stazione ferroviaria. Enorme, irreale. In una “sala d’aspetto” gigantesca, sporca e deserta. Soltanto due piccolissimi uomini. Uno pieno di vita, di impegni: la moglie, i figli, il lavoro, i suoi sogni, le speranze, le paure, le angosce. L’altro, ormai condannato a morte da un male incurabile, che ascolta con morbosa curiosità e attenzione il racconto della piccola vita del “piccolo” uomo per coglierne l’assoluta assenza di senso, la stupidità delle sue illusioni, l’insulsaggine delle sue occupazioni e degli impegni o “impicci” inutili della vita rappresentati da tanti “pacchetti” che impediscono all’ometto di poter vivere. Cioè di non “perdere il suo treno”. In quest’ultima stazione della vita si incontrano i due “piccoli uomini”… I Greci definirono l’uomo così: Antròpos, Zoòn, Logòn, Ekòn. I due piccoli uomini risuonano di parole nella loro solitudine disperata. In attesa…".

Note

Dall'opera omonima di Luigi Pirandello.

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
2021
2021
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito