Espandi menu
cerca
Un eroe

Regia di Asghar Farhadi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 296
  • Post 206
  • Recensioni 5814
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Un eroe

di alan smithee
7 stelle

Amir Jadidi

A Hero (2021): Amir Jadidi

FESTIVAL DI CANNES 74 - CONCORSO

Un uomo esce di prigione, dove sconta una condanna per un debito non assolto, per una licenza premio, e cerca di incontrare il suo creditore, che è il suo ex cognato, per cercare di fargli ritirare la denuncia e abbreviarlo la pena. Sulla via di casa trova un piccolo tesoro di monete d'oro in una borsa, smarrita da chissà chi. L'idea di vendere il malloppo e proporre al creditore un patteggiamento con ritiro della denuncia, lo convince quasi appieno, se non che, scosso dal pensiero di stare per commettere un atto ingiusto, si reca al commissariato per denunciarne il ritrovamento, diventando per questo noto ai media. Poi però la situazione si capovolge e l'uomo da eroe diventa agli occhi del pubblico un ladro e un millantatore, pregiudicando ulteriormente la sua già critica posizione.

scena

A Hero (2021): scena

Farhadi costruisce un complesso e sin intricato dramma che affronta tematiche etico-civiche primarie come il fondamento della verità, il valore dell'onestà e il prezzo della libertà. Lo fa affrontando dinamiche familiari allo sbando in quanto compromesse da situazioni economiche precarie e da un sistema di gestione del giudizio di massa alterato dall'influenza dei social e del giudizio preventivo di chi si permette di condannare senza conoscere le corrette peculiarità dei fatti. Farhadi domina la complessa vicenda e materia con la consueta maestria, e trova nel suo intenso protagonista Amir Jadidi, l'elemento trainante in grado di rendere plausibile ed epidermica una dinamica degli eventi altrimenti al limite dell'assurdo, specialmente se pensata in differenti contesti sociali. Ne deriva un film appassionante, a tratti un po' macchinoso e pedante, forte di una magnifica, indimenticabile inquadratura finale da brivido, che "splitta" naturalmente le fasi del ritorno mesto in carcere e dell'uscita piena di speranza, focalizzandosi sulle antitesi sentimentali di chi affronta queste due antitetiche situazioni.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati