Espandi menu
cerca
Un eroe

Regia di Asghar Farhadi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 78
  • Post 7
  • Recensioni 3195
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Un eroe

di barabbovich
8 stelle

A Shiraz, in Iran, Rahim (Jadidi) deve scontare una pena in carcere per insolvenza nei confronti di un creditore. Durante una giornata di permesso, la sua compagna gli fa avere le monete che, al cambio, potrebbero servire per saldare il debito e farlo uscire dal penitenziario. Una serie di circostanze fanno sì che Rahim trasformi l'idea iniziale in un piano per riacquistare una buona reputazione. Ma - per sprovvedutezza, ingenuità e disperazione - la vicenda prende tutta un'altra piega e gli sfugge completamente di mano, innescando un gigantesco effetto domino che finisce persino in pasto alla televisione e ai social.
Ancora una volta il regista del film, Asghar Farhadi, mostra un talento straordinario e, ancora una volta, una sua opera riesce ad aggiudicarsi un ambitissimo premio (quello della giuria al festival di Cannes, dopo l'Orso d'oro a Berlino e due Oscar). La sua capacità di dissezionare l'idea di verità - tema portante della sua produzione, come già in Una separazione, Il passato e Il cliente - ha qualcosa di miracoloso per come riesce a rimanere in equilibrio tra l'assoluta credibilità degli eventi, frutto di una sceneggiatura a orologeria, e il continuo ribaltamento di prospettiva offerto allo spettatore, che si trova risucchiato nel vortice di un racconto a spirale che, stavolta, mette al centro la semplicità di un Malaussène finito in un meccanismo kafkiano a causa delle sue stesse buone intenzioni.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati