Espandi menu
cerca
Il silenzio sul mare

Regia di Takeshi Kitano vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Kurtisonic

Kurtisonic

Iscritto dal 7 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 88
  • Post 2
  • Recensioni 415
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il silenzio sul mare

di Kurtisonic
8 stelle

Se Il silenzio sul mare fosse poesia sarebbe un esempio di minimalismo, se fosse un testo filosofico sarebbe zen, se fosse un quadro sarebbe un’opera realista-astratta: è cinema, di Takeshi Kitano. Shigeru giovane spazzino sordomuto vuole fare il surf, assistito dalla fidanzata Takako. Dopo vari tentativi arriverà a fare una gara e la vicenda prenderà una piega inaspettata. Non è l’interiorità che Shigeru ricerca, lui è fatto di quello, nel silenzio totale che custodisce e  che lo agita. Ha bisogno di stare sulla cresta del profondo, vuole mescolarsi all’esteriorità per un desiderio di  uguaglianza, di omologazione. I suoi tentativi sono determinati e disperanti, i suoi gesti sono romantici e nichilisti, dimostrano una forza d’animo non comune, una volontà di perseguire ancora un proprio destino. Takeko, sordomuta anche lei, si tiene in disparte, è adibita a piegare i vestiti del ragazzo quando entra in acqua o ad aiutarlo a trasportare il surf, sarà la testimone del percorso idealizzato della volontà di Shigeru e l’unica in grado di capirlo fino in fondo. Kitano  fa film d’azione senza azione, film d’amore senza una sola scena d’amore, film di analisi psicologica senza una parola pronunciata dai suoi protagonisti. Kitano lavora per sottrazione, lasciando spazio all’intuizione, all’attimo fuggente, lo spettatore non è mai passivo, si ritrova davanti a scene quasi identiche che si ripetono con micro variazioni ma che se raccolte formano una diversa e completa realtà. Ne Il silenzio sul mare riesce con  sincerità a raffigurare il rapporto silente e intensissimo fra i due ragazzi, apparentemente slegati come i rapporti fra i ragazzi della  comunità dei surfisti che assistono sulla spiaggia alle evoluzione di Shigeru. Kitano spinge lo spettatore ad avvicinarsi alla dimensione profonda dell’animo umano creando un’atmosfera di sospensione e di attesa che aleggia lungo tutta la vicenda. La mdp svolge una funzione morale ed esteticamente rilevante, lasciata quasi sempre in campo lungo distante dai personaggi come per non condizionare il loro spontaneo punto di vista. Il ragazzo diventa un malinconico e astratto eroe fuori dal tempo, al quale nulla viene concesso ma che anche nulla può essergli impedito. Manifesto della consapevolezza umana , Il silenzio sul mare è un ritratto romantico e disperato del quale è impossibile non ricavarne pensieri fecondi e considerazioni educative.  Musiche adeguate del solito Joe Hisaishi che si armonizzano con i rumori di fondo e il fuori campo etereo  di ogni inquadratura. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati