Espandi menu
cerca

Trama

Cresciuta da bambina dal leggendario assassino Moody e addestrata a occuparsi degli affari di famiglia, Anna è il killer più abile del mondo. Ma quando Moody, colui che per lei era come un padre e le ha insegnato tutto ciò di cui ha bisogno di sapere sulla fiducia e sulla sopravvivenza, viene brutalmente ucciso, Anna giura di vendicarsi. Mentre rimane coinvolta con un enigmatico assassino i cui motivi di interesse nei suoi confronti vanno al di là del gioco del gatto col topo, il loro confronto diventa mortale e le estremità in sospeso di una vita trascorsa a uccidere si intrecciano sempre più.

Approfondimento

THE PROTEGE: UN'ASSASSINA ALLA RICERCA DI VENDETTA E PASSATO

Diretto da Martin Campbell e sceneggiato da Richard Wenk, The Protégé racconta la storia di Anna che, salvata da bambina dal leggendario assassino Moody e formata per prendersi cura degli "affari di famiglia", è diventata la killer su commissione più abile e letale del mondo. Quando però Moody, colui che per lei è stato come un padre e le ha insegnato tutto ciò che ha bisogno di sapere sulla fiducia e sulla sopravvivenza, viene brutalmente ucciso, Anna giura vendetta. Trovandosi invischiata con un killer enigmatico, la cui attrazione per lei va ben oltre quella del gatto per il topo, la loro resa dei conti si fa sempre più mortale e le questioni in sospeso di una vita passata a uccidere si faranno sempre più pressanti.

Con la direzione della fotografia di David Tattersall, le scenografie di Wolf Kroeger, i costumi di Irina Kotcheva e Karyn Wagner, e le musiche di Rubert Parkes, The Protégé segna il ritorno alla regia di Martin Campbell, attratto da una storia con al centro una protagonista dalle indiscutibili capacità assassine che è chiamata a scoprire chi è realmente, da dove vengono i suoi poteri e cosa vuole realmente dalla vita. Film d'azione ma con dinamiche relazioni complicate, divertenti e anche sexy, The Protégé è dunque la vicenda di una donna che prova a chiudere il cerchio tornando al punto di partenza, come spesso il confronto con il passato ci costringe a fare. Rinomato per essere colui che nel 2006 ha ridato fiato alle vicende di 007 con Casino Royale, Campbell ha ritrovato nella sceneggiatura di Wenk tutti quegli elementi che fanno parte del suo universo cinematografico: un ritmo frenetico, una vicenda intelligente e in giro per il mondo, un colpo di scena dopo l'altro, scene di azione creative e frenetiche e, cosa non meno importante, un'eroina poco convenzionale pronta a rompere ogni schema. Ha sottolineato il produttore Arthur Sarkissian, esperto conoscitore del mondo dei film d'azione e padre del franchise Rush Hour: "Le storie con protagoniste donne assassine hanno sempre un grosso potenziale se sono ben sviluppate. Anna è molto fredda nel suo lavoro ma non è una macchina da guerra. Come assassina, non ha rivali: ha imparato fin da piccola come sopravvivere a quel mondo crudele che le ha fatto perdere i genitori in un tragico massacro avvenuto in Vietnam, terra in cui è cresciuta. Salvata da Moody, ha imparato da lui che esisteva un modo per dare sfogo al suo furioso bisogno di correggere i molti torti trasformandosi lei stessa in uno degli strumenti più potenti del mondo. Dopo la morte di Moody, però, il suo mondo si sgretola nuovamente: deve trovare chi lo ha ucciso (un assassino abile, intelligente, saggio e scaltro quanto lei) e, mentre schiva proiettili e colpi, è tormentata da ricordi spettrali".

Il cast

A dirigere The Protégé è Martin Campbell, uno dei più acclamati registi di film d'azione. Nato in Nuova Zelanda nel 1943, nel 1966 si è trasferito in Inghilterra per lavorare come direttore della fotografia. Dopo i primi lavori come cameraman e produttore, ha esordito come regista grazie alla serie tv inglese I… Vedi tutto

Commenti (3) vedi tutti

  • Samuel L. Jackson e Michael Keaton, sprecati in un film senza una sceneggiatura che segua un copione logico. Tanti morti, tanta violenza e un'incredibile Maggie Q, che prende a calci e pugni omoni che pesano 3 volte piu' di lei.

    leggi la recensione completa di filmista
  • Una boiata di serie C.

    commento di gruvieraz
  • Campbell, come ti sei ridotto?

    leggi la recensione completa di emil
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

emil di emil
3 stelle

C'era un tempo in cui Martin Campbell era un grande regista; il culmine artistico della di lui carriera, "Casino Royale",  probabilmente il miglior Bond mai realizzato, era un epocale action che aveva il coraggio di osare, in contenuti e psicologie. L' ultima sua fatica è difficilmente difendibile: Un assassina che uccide uomini a sangue freddo in un baleno e poi corre dal proprio… leggi tutto

3 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

berkaal di berkaal
5 stelle

Luc Besson docet. Bella gnocca, che a discapito dell'aspetto è spietata assassina, azione, spari, esplosioni, morti, lusso, tecnologia, antagonista più o meno affascinante (qui decisamente meno). Questi sono gli ingredienti fissi. Ormai è diventato un genere. Qualcuno l'ha già etichettato? Pussy Kill o qualcosa di questo tipo? Samuel L. Jackson e Michael Keaton… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2021
2021

Recensione

ilcausticocinefilo di ilcausticocinefilo
3 stelle

  Non se ne può più. Altro che “The Protégé”, qui per essere onesti siamo piuttosto dalla parti di “Le merde”. L’action à la merde a quanto sembra negli ultimi tempi va di moda, va forte, va alla stra-grandissima (e riesce puntualmente nonché magistralmente nel suo obiettivo: s’era quello di triturare les…

leggi tutto

Recensione

berkaal di berkaal
5 stelle

Luc Besson docet. Bella gnocca, che a discapito dell'aspetto è spietata assassina, azione, spari, esplosioni, morti, lusso, tecnologia, antagonista più o meno affascinante (qui decisamente meno). Questi sono gli ingredienti fissi. Ormai è diventato un genere. Qualcuno l'ha già etichettato? Pussy Kill o qualcosa di questo tipo? Samuel L. Jackson e Michael Keaton…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

filmista di filmista
3 stelle

Il paragone con "Nikita", il film cult di Luc Besson, viene spontaneo.   Ma questo "The protege'", sara' subito dimenticato, soprattutto per la trama del film inconsistente.  Una ragazza vietnamita viene addestrata per essere un killer.  Sparatorie e morti a non finire.  Finale senza sorprese.   La frase che mi piu' mi ha colpito:  " Vuoi uccidermi o…

leggi tutto
Recensione

Recensione

emil di emil
3 stelle

C'era un tempo in cui Martin Campbell era un grande regista; il culmine artistico della di lui carriera, "Casino Royale",  probabilmente il miglior Bond mai realizzato, era un epocale action che aveva il coraggio di osare, in contenuti e psicologie. L' ultima sua fatica è difficilmente difendibile: Un assassina che uccide uomini a sangue freddo in un baleno e poi corre dal proprio…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito