Espandi menu
cerca
America Latina

Regia di Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 287
  • Post 192
  • Recensioni 5408
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su America Latina

di alan smithee
7 stelle

locandina

America Latina (2021): locandina

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - CONCORSO

 La casa, intesa sia materialmente come immobile, sia figurativamente come focolare domestico, è in qualche modo il tempio dell'anima che la vive e ne fa la propria dimora, il proprio rifugio, la propria soddisfazione. Massimo Sisti è un noto dentista quarantenne che ha trovato la sua oasi familiare in una villa costruita con gusto eccentrico e stile opinabile, persa nei terreni pontini un tempo luogo di paludi antitetiche alla sopravvivenza umana. La sua vita ci pare comunque realizzata e fondata su una armonia familiare che appare indiscutibile.

Peccato che una sera l'uomo scopra che, nella cantina sotterranea e umida piena di rifiuti e di derive poco consone alla perfezione dei piani superiori, si trovi celato un particolare tremendo che l'uomo stesso non riesce a spiegarsi, adducendo lo dapprima ad un complotto ordito da nemici, poi ad un suo gesto compiuto in un momento di stress che ora la sua mente ha cancellato.

Elio Germano

America Latina (2021): Elio Germano

Astrid Casali, Carlotta Gamba, Federica Pala

America Latina (2021): Astrid Casali, Carlotta Gamba, Federica Pala

Elio Germano

America Latina (2021): Elio Germano

Senza entrare ulteriormente in particolari che svelerebbero troppo di quello che si presenta come un thriller dell''anima forte e disturbante, America Latina sonda nei recessi più cupi della mente umana che arriva a crearsi realtà perfette che non esistono, e nasconde le nefandezze che il mostro che vive in noi compie dando sfogo ai propri istinti.

I fratelli D'Innocenzo, che dedicano il film alla regista Valentina Pedicini recentemente scomparsa, proseguono la loro strada, che poi è in realtà la via dolorosa ed auto-distruttiva di un calvario, infischiandosene di risultare scomodi e irritanti, puntando sulla potenza lirica di una deriva che non può avere altre soluzioni se non quella peggiore a cui si possa pensare.

Elio Germano, nervoso ed isterico più che mai, è ancora una volta l'interprete ideale per rappresentare in modo inquietante i termini estremi di questo disagio senza soluzioni.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati