Espandi menu
cerca
House of Gucci

Regia di Ridley Scott vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Carlo Ceruti

Carlo Ceruti

Iscritto dal 16 maggio 2004 Vai al suo profilo
  • Seguaci 31
  • Post -
  • Recensioni 3744
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su House of Gucci

di Carlo Ceruti
6 stelle

Ha molti pregi e parecchi difetti, ma nel complesso funziona.

E' un film estremamente ambizioso e sontuoso, con numerosi pregi e parecchi difetti, i quali non lo rendono sempre all'altezza delle sue notevoli ambizioni. Il cast è certo un punto di forza, Adam Driver (Maurizio Gucci) con la sua interpretazione sobria e contenuta è davvero eccellente e fa da contraltare a una Lady Gaga (Patrizia Reggiani) estroversa e dirompente, efficace nel dare al suo personaggio una perfidia e una sgradevolezza senza pari. Tra i personaggi secondari spiccano un Jeremy Irons (Rodolfo Gucci) da manuale nel ruolo del capostipice e un Al Pacino (Aldo Gucci) estroverso e forse un po' troppo sopra le righe ma il cui carisma è indiscutibile; un po' più debole il personaggio di Jared Leto (Paolo Gucci) troppo caricaturale e infantile e abbastanza scialbo quello di Salma Hayek (la maga Pina Auremmia) anch'esso un po' caricaturale e lasciato in superficie.

Il film scorre per le sue oltre due ore e mezza di durata non senza intoppi, con alcuni momenti molto felici e altri in cui il ritmo si inceppa e la tensione drammatica scende. I dialoghi non sono sempre brillanti e talvolta sfociano nel cattivo gusto. Alcuni personaggi, come ho scritto sopra, sono caricaturali e lasciati troppo in superficie. Rimane quindi, alla fine, l'impressione di un film che poteva essere ottimo ma che è solo discreto, in cui la potenza della storia che sta alla base non viene sviscerata in tutto il suo potenziale. Tuttavia la vicenda della famiglia Gucci, una dinastia che raggiunge una ricchezza sconsiderata salvo poi perdere il controllo della sua azienda a causa di faide, liti per il controllo delle quote, nevrosi, rabbia, tradimenti e omicidio, mantiene un fascino forte e intatto che Scott riesce a trasmettere alla storia. Inoltre il cast è di prima scelta, gli attori principali sono davvero in parte e offrono uno spettacolo che, a tratti, raggiunge il sublime.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati