Espandi menu
cerca

Trama

Nel disperato tentativo di superare la sua crisi di mezza età, Martin si aliena dalla società per andare a vivere nella foresta. Si è anche procurato un arco e si è vestito da cavernicolo. Non è però facile adattarsi alle lotte di sopravvivenza che la natura richiede. Un giorno, si imbatte in Musa, una spacciatore rimasto ferito e in fuga. Sperando di lasciarsi alle spalle ognuno i propri guai, l'eccentrico duo intraprende una frenetica fuga attraverso i fiordi, inseguiti dalla polizia locale, da un arrabbiato vichingo, da delinquenti violenti e, per finire, dalla figlia di Martin, non meno importante degli altri.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

"Ogni uomo che attraversa un brutto periodo nella vita ha sentito una frase come: Perché non ti comporti da uomo? Perché non ti comporti da uomo? Perché non puoi essere un uomo?

Il tipo forte e silenzioso. Il padre che non si lamenta mai. Questi irraggiungibili stereotipi di mascolinità sono ancora oggi elogiati e insegnati ai ragazzi di tutto il mondo e hanno innegabili effetti sul modo in cui gli uomini affrontano le emozioni - bevendo di più, isolandosi, imbottigliando i loro sentimenti, finché un giorno si spezzano.

L'ispirazione per questo film è stata duplice: da un lato, abbiamo tutti sperimentato uomini che hanno l'incapacità di affrontare e gestire le loro emozioni, e dall'altro, c'è una persistente inclinazione umana a mettere i bastoni tra le ruote, a rendere tutto un po' più impegnativo, per non sentirsi insensibili. L'idea che se corriamo una maratona, compriamo una nuova bici di lusso, facciamo una dieta a base di succhi di frutta, o ci trasferiamo in una nuova città, i nostri problemi e le nostre responsabilità semplicemente si scioglieranno.

Il mio co-sceneggiatore Morten Pape, la produttrice Lina Flint e io volevamo prendere questa osservazione dell'esperienza umana e alzare la posta in gioco, prendendo un uomo che piuttosto che affrontare le sue emozioni, sceglie di tornare all'età della pietra.

Ci sono molte cose che diventano automaticamente divertenti quando un uomo moderno inizia a vivere come un cacciatore raccoglitore, ma per noi registi era importante bilanciare l'umorismo con il dolore imminente che Martin sta affrontando. Non importa quanto la storia sia diventata selvaggia, i nostri personaggi rimangono radicati nella loro realtà.

Quello che ne consegue è in parte un buddy-film, in parte una scoperta di sé - una storia piena di personaggi colorati che affrontano le loro sfide. Mentre Martin cammina attraverso le montagne norvegesi, un poliziotto si preoccupa della sua presenza nella vita dei suoi figli, una giovane coppia litiga in macchina e così via. L'universo di Wild Men si dispiega, tenendo uno specchio sia per Martin che per lo spettatore.

Con questo film, voglio incoraggiare l'individuo annodato che non è pericoloso aprirsi e avere conversazioni su quando e come possiamo aiutarci al meglio quando la vita diventa difficile. Perché se una cosa è vera, è che nessuno può superare questa vita da solo".

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
2021
2021
locandina
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito